Signora 96enne sventa la truffa del “finto nipote”

A Como tra via Fiume e via Gorizia

Ancora anziani nel mirino dei truffatori. Gente senza scrupoli, che individua una fascia debole per poi colpirla con raggiri di ogni tipo. L’ultimo episodio in ordine di tempo è capitato nel pomeriggio di mercoledì (intorno alle 15.30) ad una signora di 96 anni residente in città tra via Fiume e via Gorizia. Il copione è sempre il solito: il truffatore chiama al telefono fingendosi un parente – in questo caso un nipote – per chiedere soldi urgentemente. Fortunatamente, in questo caso, l’anziana

ha immediatamente capito quanto stava accadendo e ha appeso il telefono. Quindi truffa sventata, ma la figlia ha voluto comunque raccontare l’episodio per evitare che altre persone possano cadere vittime dello stesso raggiro.
«Mia madre è stata contattata da un uomo che si è finto un nipote – dice Gloria Negri – Chiedeva soldi urgentemente per comprare un’auto nuova visto che la banca non gli dava i soldi. Quindi chiedeva alla zia di prestarglieli. Quell’uomo sapeva il numero di telefono, ma anche il nome del nipote che non è proprio comune. Mia madre ha 96 anni ma è molto presente, ha capito che qualcosa non andava e non è caduta nel tranello». Tra l’altro l’uomo ha chiamato quando in casa c’era solo l’anziana, cosa che capita molto poco di frequente in quando sempre accompagnata o dai parenti o dalla badante. Il malvivente aveva una voce giovane ed era italiano.
«Abbiamo voluto raccontare quanto accaduto per avvisare tutti gli altri anziani – conclude la figlia – Le persone di una certa età sono più fragili di altre e rischiano di cadere nei raggiri. Mia madre sta bene, ma è comunque spaventata e scossa per quanto accaduto».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.