Elezioni 2012

Sindaco, 9 i candidati esclusi. Molti sono politici di lungo corso

I primi cittadini mancati
Con 16 aspiranti sindaco e 24 liste, ogni candidato rischiava di schiantarsi contro lo sbarramento del 3%. Una corsa pericolosa, perché non raggiungere la quota di ingresso in consiglio comunale significa, di fatto, sparire per cinque anni dalla scena politica comasca. E alla fine ce l’hanno fatta solo in 7, o se si preferisce gli esclusi sono stati 9. E se questo non è un problema, forse, per chi non ha mai fatto politica prima e ha solo provato a gettarsi nella mischia, c’è chi era abituato
ad amministrare la città: Mario Pastore, ad esempio, presidente dell’ultimo consiglio comunale. O Emanuele Lionetti. O, ancora, Donato Supino, ex consigliere di Rifondazione Comunista.
Il primo degli illustri esclusi, però, è l’Udc. Il candidato sindaco era (ed è) alla sua prima esperienza in politica, ma nessuno si aspettava che il partito di Casini non arrivasse al 3%. «Non nascondiamoci – dice David D’Ambrosio, candidato sindaco dei centristi – siamo delusi. Ci aspettavamo un 3,5-4%. Era una missione difficile, perché a novembre abbiamo rifondato il partito. Non abbiamo comunque nulla da rimproverarci, abbiamo condotto una campagna elettorale seria e concreta. Peccato, perché con cento voti in più ce l’avremmo fatta. Comunque non ci fermiamo. Aspettiamo le prossime politiche e regionali». Secondo D’Ambrosio, l’Udc è stata penalizzata «dall’astensionismo» e «dall’appoggio di Casini al governo Monti». Ma anche «dall’antipolitica», che ha giocato un «ruolo determinante, perché grillini e Rapinese fanno quasi il 15% dei voti. Ci tenevamo a entrare in consiglio – conclude D’Ambrosio – non ce l’abbiamo fatta, ma lavoreremo dall’esterno. Anche con alcune liste civiche, Vierchowod e Peronese, per esempio». Il consiglio comunale sarà poi orfano di una ecologista pura: Elisabetta Patelli, candidata di Verdi Ecologisti e Reti Civiche, che si è fermata al 2,3%. Peggio è andata a Mario Pastore, che ha fallito l’obiettivo nonostante avesse quattro liste in appoggio. L’ex presidente del consiglio comunale ha preso 921 voti, pari al 2,29%. Un risultato che va letto anche in chiave politica: a Como, il partito fondato da Fini non riesce a raccogliere consensi. Si ferma allo 0,92%. Elezioni amare anche per un altro ex amministratore, Emanuele Lionetti, già assessore leghista poi consigliere. La sua lista civica, Impegno per Como, si è fermata al 2,06% e lui ha preso l’1,79% dei voti. Chiudono la schiera degli esclusi Roberto Colussi – candidato de La Destra – e Salvatore Ferrara, di Forza Nuova. Un derby di destra, che è andato a Colussi per una manciata di voti: 216 (0,53%) contro 209 (0,52%).

Andrea Bambace

9 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto