Sinisgalli, quando la matematica è poesia

Leonardo Sinisgalli

Libro unico nel panorama italiano, Furor mathematicus di Leonardo Sinisgalli testimonia, fin dal titolo, una volontà di contaminazione, associando all’idea di ordine, purezza, razionalità, calma e regolarità, propria della matematica, l’entusiastica, irrazionale, disordinata impulsività caratteristica dell’atto creativo. I temi affrontati da Leonardo Sinisgalli spaziano infatti dalla matematica alla poesia, dalla pittura all’architettura, al design, alla fisica, fino alla filosofia, ma anche alla tecnologia, all’artigianato e oltre. C’è una storia degli automi, in queste pagine; dialoghi che ricordano Calvino e Le città invisibili; apologhi leopardiani e studi sulle correlazioni tra le leggi della fisica e le migrazioni dei popoli. Il confronto tra diversi saperi e linguaggi, che si fa sovrapposizione e compenetrazione, permette di ottenere sempre nuove idee e nuove suggestioni: un eclettismo che si ispira al concetto rinascimentale di “uomo universale” incarnato da Leonardo da Vinci. Ma il libro si pone anche come pietra miliare del Novecento, è un’opera in grado di cogliere lo spirito della modernità e di offrire alla “civiltà delle macchine” nuovi canoni stilistici che, partendo dall’arte e dalla poesia, forniscano alla produzione industriale un’anima, un’etica e un’estetica. Un percorso sotto il duplice segno della conoscenza e dell’utopia, che ancora oggi apre verso nuove visioni del futuro. Giovedì 21 maggio, alle 18, la “Casa della poesia” di Como ospiterà su Facebook la presentazione del volume appena riedito dagli Oscar Mondadori. Laura Garavaglia dialogherà con il curatore del volume, Gian Italo Bischi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.