Siria: ministero Interno, 8 arresti per crimini informatici

Il governo si prepara alle elezioni presidenziali di luglio

(ANSAmed) – BEIRUT, 1 FEB – In vista delle prossime elezioni presidenziali siriane, previste a luglio, il ministero degli Interni di Damasco ha annunciato una stretta nei controlli contro "autori di crimini informatici", affermando di aver arrestato nelle ultime ore otto persone colpevoli di "aver comunicato con siti sospetti" e di aver contribuito alla "diffusione di informazioni che indeboliscono il sentimento nazionale". In un comunicato apparso sulla pagina ufficiale Facebook del ministero degli Interni di Damasco, si ricordano gli articoli del codice penale siriano in cui si stabiliscono le pene per "i crimini informatici", legati alla pubblicazione su profili "sospetti" nei social network di "notizie false" o che "crea illusioni nell’opinione pubblica". Il ministero siriano ha diffuso soltanto le iniziali degli otto arrestati. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, si tratta di una giornalista della tv di Stato, di una impiegata di alto rango nella Commissione della censura della stessa tv, di una studentessa universitaria e di un blogger, tutti noti per la "loro conclamata lealtà al regime". Le elezioni presidenziali sono attese a luglio dopo quelle legislative, previste tra aprile e maggio prossimi. Secondo analisti locali, il presidente siriano Bashar al Assad, in carica da 21 anni, si appresterà a essere riconfermato per un nuovo mandato di altri 7 anni, fino al 2028.(ANSAmed). (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.