Siria, raid russo su forno e ospedale

Lo dice Ong. Onu

(ANSAmed) – BEIRUT, 30 GEN – Il raid aereo delle ultime ore nella regione siriana di Idlib, attribuito all’aviazione russa e nel quale – secondo fonti locali – sono state uccise 10 persone, aveva preso di mira un forno per il pane e un ospedale da campo nella città di Ariha, a sud di Idlib. Lo riferisce l’Osservatorio nazionale siriano per i diritti umani, che si avvale sul terreno di una fitta rete di fonti locali. Sono 390 mila i civili siriani, in larga parte donne e bambini, sfollati in due mesi nella regione nord-occidentale di Idlib sottoposta da dicembre a una intensa campagna militare aerea e di terra da parte delle forze russe e governative siriane contro combattenti delle opposizioni siriane appoggiate dalla Turchia. Lo riferisce l’Ufficio dell’Onu per il coordinamento umanitario (Ocha). L’Onu ricorda che i civili sfollati dal 15 gennaio hanno abbandonato le loro case o i campi profughi più di una volta nel giro di poco tempo, e questo aumenta la loro vulnerabilità in un’area dove il conflitto è ancora in corso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.