Siti culturali, scoppia il caso

altLa mostra di Villa Olmo – A un mese dall’evento espositivo

(l.m.) Il “dietro le quinte” della prossima mostra di Villa Olmo su Antonio Sant’Elia e le utopie urbane del XX secolo, la cui partenza è prevista il 24 marzo prossimo, continua a riservare sorprese e battibecchi a distanza.
Settimana scorsa ha tenuto banco, dopo il dibattito in Commissione Cultura e Turismo tra l’assessore alla Cultura Luigi Cavadini e i consiglieri comunali di minoranza, la questione dei siti Internet comunali sulle mostre e sulla cultura.
Infatti il sito www.grandimostre.it e pure quello www.culturacomo.it, entrambi di proprietà della società specializzata Vertex di Milano, sono

clamorosamente fermi all’evento del 2012, ossia alla mostra sulla Dinastia Brueghel. Due siti che, stando alle statistiche fornite dai dati di Google Analytics, totalizzano numeri seri: circa 50.000 visitatori unici per il portale dedicato alla cultura ed oltre 160.000 visitatori unici per il portale dedicato alle grandi mostre.
Settimana scorsa, l’assessore alla Cultura, Luigi Cavadini, aveva spiegato in Commissione che per comprarli «ci hanno chiesto 25mila euro a sito. La somma con la trattativa era scesa, ma era comunque troppo alta. E anche per l’eventuale gestione la somma richiesta era eccessiva, nell’ordine di 4mila euro l’anno solo per il mantenimento del dominio. Non è comprensibile che i siti siano in mano ai privati e stiamo studiando come muoverci per risolvere la situazione».
Ieri però Paolo Noris, managing director della Vertex di Milano, ha dato della vicenda una lettura diversa. Pare infatti che il Comune avrebbe potuto ricevere gratuitamente dall’azienda la proprietà dei siti. Il cui valore di mercato, quello sì, sarebbe stato valutato attorno ai 25mila euro. La trattativa, poi arenatasi, con Vertex, avrebbe riguardato poi la manutenzione: si parlerebbe di un costo annuo complessivo Iva esclusa tra i 7.500 euro e i 4.000 euro per sito.
Sostiene Noris: «Il 17 ottobre scorso, su richiesta dello stesso Cavadini, ho incontrato l’assessore. Nel corso della riunione ha richiesto una proposta per la cessione dei due portali e dietro mia richiesta circa il nostro futuro rapporto, mi ha confermato, vista la solidità del progetto di comunicazione, di voler proseguire sulla stessa linea».
Così, prosegue Noris, il 29 ottobre «visto l’interesse comune nel proseguire ed espandere il progetto di comunicazione», l’azienda ha formulato «una proposta di cessione dei due portali a titolo gratuito».
E, il 12 novembre, il Comune avrebbe addirittura chiesto conferma formale alla società milanese di tale proposta.
«Questi i fatti relativi alla presunta richiesta citata dall’assessore Cavadini che vorremmo riportati nella loro veridicità e che nostro malgrado ci vediamo costretti a ribadire nell’intento di massima aderenza alla realtà e nessuna volontà polemica», sottolinea il manager Paolo Noris.
Da parte sua, l’assessore alla Cultura, Luigi Cavadini, risponde che il Comune «sta cercando di attivare siti autonomi a proprio intero carico, gestione compresa. Perché è così che deve avvenire in un Comune normale. Certo, se la Vertex dovesse partecipare e vincere il bando che abbiamo lanciato per la gestione della comunicazione delle grandi mostre, rientrerebbe in gioco. Abbiamo invitato anche loro, ovviamente».
C’è un’altra patata bollente informatica che, per ora, rimane nel limbo: la Vertex, dal 25 luglio scorso, ha l’incarico da parte del Comune di una ristrutturazione completa del Sistema Interbibliotecario Comunale, il portale delle biblioteche. «Nonostante la nostra conferma del 26 luglio e numerose richieste circa l’inizio dei lavori, a tutt’oggi non siamo stati ancora riscontrati», dice Paolo Noris.
Ma, a cinque settimane dalla grande mostra, questi sembrano dettagli: c’è un evento da lanciare. E il tempo stringe.

Nella foto:
Villa Olmo nel marzo scorso, durante la costruzione della mostra sulla Dinastia Brueghel (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.