Situazioni potenzialmente a rischio: massima attenzione sul Lario

Como transenne Covid

Il primo weekend “vestiti” di arancione rinforzato ripropone in città i sensi unici pedonali e le altre regole anti-assembramento in vigore nelle settimane passate quando il lago venne preso d’assalto. Le nuove disposizioni emanate dalla Regione dovrebbero limitare il numero delle persone in giro, ma il Comune di Como ripropone comunque quanto già messo in campo. Ecco allora che anche per questo fine settimana sono stati disposti dei provvedimenti.
Come nello scorso fine settimana, dalle ore 14 alle 20 di sabato 6 e domenica 7 marzo sono previsti i sensi unici pedonali nelle vie del centro storico più esposte al rischio di assembramenti, considerando la larghezza limitata, e nell’area verde attrezzata fronte piazza Cavour, oltre alla chiusura della diga foranea. Non è stata prevista a priori la chiusura di viale Geno: questa, come ulteriori provvedimenti che si potranno rendere necessari, saranno adottati dalla Polizia locale in base alle situazioni specifiche che si verificheranno.
Per quanto riguarda i sensi unici pedonali: lungo il percorso a quadrilatero composto da via Vittorio Emanuele II (tratto da via Indipendenza a piazza Duomo), via Cinque Giornate (tratto da piazza Duomo a via Boldoni), via Luini (tratto da via Boldoni a via Indipendenza) e via Indipendenza (tratto da via Luini a via Vittorio Emanuele) i pedoni dovranno circolare unicamente in senso antiorario (è fatto divieto di circolare in senso contrario). Nelle medesime strade è vietata la circolazione di tutte le categorie di veicoli, nonché l’utilizzo di acceleratori di andatura (monopattini), fatta eccezione per i veicoli a servizio delle persone disabili muniti di apposito contrassegno. I veicoli a motore autorizzati ad accedere ai parcheggi privati potranno accedere e sostare nell’area alberata di piazza Roma. Nell’area verde attrezzata fronte piazza Cavour i pedoni dovranno circolare unicamente in senso antiorario (è fatto divieto di circolare in senso contrario). A Erba intanto il sindaco Veronica Airoldi, ha ordinato la chiusura al pubblico, dal 6 al 14 marzo 2021 incluso, di tutti i Parchi, giardini e aree verdi comunali sul territorio. È però consentito l’accesso esclusivamente a soggetti con disabilità certificata, limitato alla sola area giochi del Parco Majnoni, e con ingresso dalla piazza Prepositurale, dalle ore 10 alle 15.30 dal lunedì al venerdì, e dalle ore 10 alle ore 13 il sabato e la domenica. L’accesso all’area giochi è consentito, nel rispetto delle normative Covid-19, previa prenotazione al numero 031 615111 da effettuarsi esclusivamente nelle stesse fasce orarie di apertura dell’area. A Cantù invece maggiori controlli, soprattutto nei parchi nonostante i giochi siano già interdetti. Anche a Cernobbio prorogato fino al 21 marzo il divieto di accesso nelle aree verdi e a lago maggiormente frequentate.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.