Smog, polveri sottili ancora oltre la soglia d’allarme. Sulle strade provinciali si rischia il blocco per Natale

Smog in città

Smog fuori controllo a Como e in provincia. Venerdì e nel weekend le polveri sottili sono nuovamente schizzate alle stelle in città. E nel resto del territorio sono invece due i giorni da bollino rosso. Va ricordato che arrivati a 4 giornate consecutive potrebbero scattare le misure di primo livello, tra cui blocchi di veicoli di certe categorie proprio sotto Natale. Il rischio è dunque che dal prossimo venerdì – ovvero dal giorno successivo alla consueta riunione a livello regionale per decidere eventuali provvedimenti – possano scattare queste limitazioni che inevitabilmente andrebbero a creare problemi per Natale. Ma entrando nel dettaglio e concentrandosi sulla città, il primo giorno di superamento registrato dalle centraline di viale Cattaneo è stato venerdì 14 dicembre, con una concentrazione di Pm10 pari a 52 microgrammi al metro cubo d’aria. La soglia di allarme è fissata a 50 microgrammi. L’assenza di vento e precipitazioni, le temperature rigide che portano ad alzare i riscaldamenti – unite all’inevitabile traffico prenatalizio – hanno fatto impennare i valori delle polveri sottili nel corso del weekend. Sabato 66 microgrammi al metro cubo, ieri 85 microgrammi. Anche il Pm2.5, materiale particolato più sottile che si insinua ancora più a fondo nelle vie respiratorie, segue un trend preoccupante: ieri segnava 73 microgrammi al metro cubo, quasi il triplo rispetto al valore limite (25 microgrammi). Questo è ciò che accade a Como città. A livello provinciale, invece, i valori medi di Pm10 sono fuori da due giorni (sabato e domenica), con il picco domenica di 75,3 microgrammi al metro cubo. E Regione Lombardia inizia a considerare l’ipotesi di misure antismog di primo livello a partire, come detto, dal quarto giorno di superamento della concentrazione media di polveri provinciale. Da quest’anno, infatti, è il Pirellone (negli anni passati spettava al Comune) a decidere se introdurre questi provvedimenti, in base ai dati provinciali sullo smog. Dati che per ora indicano nel complesso due giorni di superamento. Se però anche i rilievi di ieri e di quest’oggi dovessero mantenersi sopra i livelli di guardia allora potrebbe essere presa in considerazione l’introduzione delle misure di primo livello. Tra queste: blocco dei diesel fino a Euro 4 tutti i giorni, festivi compresi, dalle 8.30 alle 18.30, e, sempre tutti i giorni, festivi compresi dalle 8.30 alle 12.30, blocco dei veicoli trasporto merci diesel Euro 3. Misure che rimarrebbero in vigore fino alla discesa degli inquinanti sotto la soglia prevista. Sarò dunque decisivo prestare attenzione al meteo nei prossimi giorni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.