Soldi alla Tremezzina. Dalla Regione in arrivo 21 milioni

altguarda il videoTerritorio e infrastrutture
Piccoli passi verso la copertura totale dell’opera più attesa degli ultimi decenni sulla sponda occidentale del Lago di Como. La commissione Bilancio del consiglio regionale ha approvato, ieri, un emendamento alla legge di stabilità lombarda con cui si stanziano 21 milioni di euro in tre anni per la costruzione della variante della Tremezzina.
I fondi inseriti nel bilancio della Regione coprono soltanto in minima parte il fabbisogno necessario a finanziare la grande infrastruttura viabilistica.

Lo Stato, con il cosiddetto “Sblocca Italia”, ha messo a disposizione 220 milioni di euro (su un totale di 330) confidando nella promessa della Regione di coprire la quota restante con un contributo diretto. In un primo momento, il governatore della Lombardia aveva assicurato lo stanziamento di tutti i 110 milioni mancanti. Ma dopo alcune settimane lo stesso Roberto Maroni aveva sollevato non poche perplessità e obiezioni chiedendo al governo centrale prima di allungare i tempi di cantierizzazione (fissati ad agosto 2015), poi di incrementare la quota statale di finanziamento. Ieri il primo passo significativo della Regione con il voto sull’emendamento, presentato dai consiglieri Dario Bianchi (Lega), Daniela Maroni (Lista Maroni) e Alessandro Fermi (Forza Italia) e sottoscritto anche dagli altri eletti comaschi, Luca Gaffuri (Pd) e Francesco Dotti (Fratelli d’Italia). La commissione ha dato il suo assenso in modo unanime con la sola eccezione di Stefano Buffagni (Movimento 5 Stelle) che ha votato no (mentre l’altro esponente grillino, Eugenio Casalino, ha votato a favore). «Le risorse non sono ancora sufficienti a coprire il terzo che spetta a Palazzo Lombardia, ma sono un passo avanti verso la realizzazione di questa importante opera», ha dichiarato Gaffuri.
Per Bianchi, i fondi stanziati «rappresentano la volontà della Regione di compartecipare alla realizzazione di un’opera importantissima».

Nella foto:
Uno dei punti più difficili tuttora presenti lungo la statale Regina, a Ossuccio, oggi frazione di Tremezzina

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.