Soldi per gli studi in cambio di piccoli lavori

Limido Comasco
(l.o.) A Limido Comasco anche gli studenti possono avere dal Comune buoni da utilizzare per gli studi. Il progetto, ideato dal sindaco Danilo Caironi, è indirizzato principalmente alle persone in difficoltà economiche.
«Ma abbiamo voluto estendere la possibilità di concedere buoni anche agli studenti perché possano pagarsi gli studi e al tempo stesso avvicinarsi al mondo del lavoro», puntualizza il primo cittadino.
La cifra stanziata per questa iniziativa è di 2.500 euro, da suddividersi per un totale di 250 ore da qui fino alla fine dell’anno. A fronte di piccoli lavoretti di manutenzione in Comune, ai limidesi che ne beneficeranno verranno pagati voucher da 10 euro all’ora: 7,5 euro rimangono alla persona, il resto è destinato a tasse e contributi pensionistici. Per quel che riguarda la tipologia di lavoro, si tratta per lo più di piccole manutenzioni, come il taglio del verde, la sistemazione delle aree comunali o piccoli interventi nel caso di nevicate.
Unico vincolo: i ragazzi possono essere impegnati soltanto fuori dal periodo scolastico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.