Cultura e spettacoli

Somaini, appello a tutti i lariani per il catalogo

altIl caso
Il critico Crispolti curerà i quattro volumi in cofanetto di Skira

Comaschi, svegliatevi. Una sua scultura si vede anche nella scenografia del film di Michelangelo Antonioni L’eclisse del 1962. È il piccolo bronzo Forza del nascere del 1956 (bozzetto della grande scultura in conglomerato ferrico che venne esposta, assieme a Canto aperto, alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia nel 1956). Stiamo parlando di Francesco Somaini, genio comasco che i collezionisti lariani tendono a dimenticare. L’occasione ci sarebbe. E c’è tempo fino al 31 dicembre.
Infatti la figlia Luisa, con il critico d’arte Enrico Crispolti come cocuratore, lavora alacremente ai quattro volumi del catalogo generale (in italiano e inglese) del maestro di Lomazzo, che usciranno da Skira (due dedicati a biografia e apparati e al catalogo ragionato delle sculture, più un secondo cofanetto, riservato ai disegni e ai dipinti e alle collaborazioni per l’architettura).

 Ma molti collezionisti lariani, pur a lungo sollecitati per aderire alla campagna di schedatura, nicchiano, rimandano, non si fanno trovare. Un peccato, perché farebbe gioco anche a loro, renderebbe le opere di Somaini più stabili e identificabili sul mercato, a futura memoria.

E così mentre Somaini attende ancora una rivalutazione complessiva con una grande mostra – ci si penserà quando usciranno i primi due volumi della quadrilogia del catalogo generale – va detto che il grande pubblico conosce da tempo le sue opere d’arte pubblica come il monumento “La porta d’Europa” a Montano Lucino o il “Monumento alla Tessitrice” sul lungolago di Menaggio. E l’artista è anche protagonista fino al 16 novembre tra i comaschi in scena nella mostra di Villa Olmo, Ritratti di città.
«La schedatura è gratuita – dice Luisa Somaini – Peccato che da quattro anni tempesti di lettere e mail molti collezionisti comaschi, piuttosto restii a partecipare». Sul “Giornale dell’arte” è appena uscita un’inserzione che fissa al 31 dicembre l’ultima data utile per rispondere all’appello.
«Como è città un po’ chiusa, i collezionisti avranno paura di scoprirsi – ipotizza Enrico Crispolti – Il problema è che, per Somaini, ogni scultura era a sé stante, magari con minime varianti di forma o di materiali. Un catalogo generale è un dovere, un punto fermo per una valorizzazione patrimoniale della sua opera e per tracciarne un profilo il più possibile competo. È nell’interesse di chi colleziona vedere la propria opera documentata in catalogo».

Nella foto:
Carnificazione di un’architettura. Colosso di New York II, scultura del 1976
7 Ott 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto