Somalia, l’opposizione dichiara il presidente illegittimo

Mandato scaduto ma ancora non ci sono state elezioni

(ANSA) – MOGADISCIO, 08 FEB – In Somalia un’alleanza dei vari leader dell’opposizione ha dichiarato illegittimo il presidente Mohamed Abdullahi Mohamed, soprannominato Farmajo, che ha terminato il suo mandato ufficialmente ieri, senza che il Paese sia finora riuscito a tenere le elezioni per la sua successione. "Dall’8 febbraio il consiglio dei candidati dell’opposizione non riconosce più Farmajo come presidente legittimo" e "non accetterà alcuna forma di proroga del suo mandato sotto pressione", ha reso noto ieri sera il gruppo in un comunicato. Diversi leader somali nutrono ambizioni presidenziali. La Somalia avrebbe dovuto tenere elezioni parlamentari e presidenziali indirette prima dell’8 febbraio, ma la scadenza non è stata rispettata poiché Farmajo e i leader regionali erano in disaccordo su modi e tempi della consultazione. Le Nazioni Unite avevano avvertito che la Somalia, già alle prese con una violenta insurrezione islamista e una grave carenza di cibo, avrebbe rischiato di entrare in territorio inesplorato se il mandato del governo fosse scaduto senza un accordo sulle elezioni. Farmajo, che è in corsa per un secondo mandato, ha accusato i suoi rivali di aver rinnegato un precedente accordo raggiunto a settembre che prevedeva una tempistica per un voto. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.