Cronaca

Sono 139.067 i comaschi chiamati domani alle urne

Brienno il Comune più piccolo in cui si vota
Negli 11 paesi con meno di 15mila abitanti non è possibile il voto disgiunto
Sono poco più di 139mila i cittadini comaschi chiamati alle urne domani e lunedì per il rinnovo dei consigli comunali e l’elezione diretta dei sindaci in 14 diversi comuni.
Oltre ai tre centri maggiori, si vota ad Appiano Gentile, Barni, Beregazzo con Figliaro, Brienno, Campione d’Italia, Gera Lario, Guanzate, Novedrate, Orsenigo, Rodero e San Bartolomeo Val Cavargna. In questi 11 comuni i candidati sindaci sono 28. Soltanto a Guanzate la corsa è a quattro (sono in lizza Flora Carnio, Cinzia
Negretti, Maria Teresa Bernasconi e Michelangelo Barraco), negli altri paesi i candidati sono due, tre e – a San Bartolomeo – addirittura uno soltanto: il sindaco uscente, Moreno Bonardi, che per essere rieletto dovrà soltanto preoccuparsi della partecipazione. Quando il candidato è unico, infatti, le elezioni sono valide se si reca alle urne la maggioranza assoluta degli aventi diritto. Ovvero, il 50% più uno degli elettori iscritti nelle liste municipali. Un po’ sull’esempio di quanto accade nei referendum abrogativi.
Il comune più piccolo in cui si vota in questa tornata è Brienno, dove gli aventi diritto sono soltanto 343, in maggioranza uomini (175 contro 168 donne).
A Brienno, il paese devastato da una disastrosa alluvione nel luglio dello scorso anno, si ricandida come sindaco Patrizia Nava che avrà come sfidante Marco Marsili.
Pochi gli elettori anche a Barni, soltanto 474 e anche in questo caso in maggioranza uomini (247 contro 227 donne). Anche a Barni si ripresenta il sindaco uscente. È Mauro Caprani, che sarà sfidato da Francesco Rusconi e Roberto Cazzaniga. Il terzo comune con meno di mille abitanti che va al voto domani è Gera Lario, in Altolago, dove lo scenario è quasi simile a quello di cinque anni fa. Tornano infatti a sfidarsi il sindaco uscente, Vincenzo Del Re e la capogruppo di opposizione, Marina Bragaglia. Con loro in lizza anche Paola Cantamesse.
Tra i paesi “minori” il più grande è Appiano Gentile (6.760 aventi diritto, 3.521 dei quali donne e 3.239 uomini), dove non è della partita il primo cittadino uscente, Gianni Clerici.
Tre i candidati che tentano la sorte elettorale ad Appiano: Carlo Pagani, Lisa Maria Giussani e Giuseppe Taiana.
COME SI VOTA
La scheda che gli elettori si troveranno tra le mani riporterà i nomi e i cognomi dei candidati sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, affiancati dai contrassegni delle liste collegate. Il meccanismo di voto nei comuni che superano i 15mila abitanti è ormai noto.
L’elettore può votare per il solo sindaco, per il sindaco e per una lista a lui collegata oppure per il sindaco e una lista diversa da quelle a lui collegata (il cosiddetto “voto disgiunto”). È possibile anche votare per una lista. In questo caso, il voto viene esteso automaticamente al candidato sindaco collegato. In tutti i casi, l’elettore può esprimere anche una sola preferenza per un candidato al consiglio comunale ma soltanto se appartenente alla lista votata. Non si può cioè fare il “voto disgiunto” per quello che riguarda il consiglio comunale (scegliendo un simbolo e un candidato al consiglio di una lista differente). Nei comuni con meno di 15mila abitanti, invece, in cui non ci sarà ballottaggio, il candidato sindaco è appoggiato da un’unica lista.
L’elettore, in questo caso non può fare il “voto disgiunto”. Il voto al candidato sindaco si estende alla lista e viceversa. Così come la singola preferenza attribuita al candidato consigliere.

Nella foto:
Domani e lunedì si vota in 14 comuni della provincia di Como (foto Mattia Vacca)
5 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto