«Sono bloccata e non mi lascia uscire». Ragazza soccorsa in piazza Camerlata

Piazzale Camerlata

È un episodio dai contorni ancora tutti da chiarire, quello avvenuto sabato notte a Camerlata. Una ragazza di 26 anni è stata soccorsa e portata al Sant’Anna per essere medicata dalle ferite che aveva sul corpo e sul volto, giudicate guaribili in una decina di giorni.

La giovane si trovava in un appartamento di piazza Camerlata, nei locali abitati dal suo ex fidanzato con cui nel pomeriggio si era incontrata in centro per riavere indietro la propria carta di credito, dopo che la relazione tra i due era finita. A lanciare l’allarme sarebbe stata la madre, contattata dalla giovane con il telefonino. Le avrebbe raccontato di essere chiusa nella casa dell’ex che non la faceva uscire. La mamma, spaventata, avrebbe fermato una pattuglia della polizia locale che avrebbe suonato al campanello della casa. All’interno c’era l’ex fidanzato, un 22enne, e pure la giovane con sul corpo graffi e sul volto delle ecchimosi.

Per questo motivo la ragazza sarebbe stata soccorsa dal 118 e trasportata al Sant’Anna, dove sarebbe già stata sentita dagli inquirenti. La prognosi è di 10 giorni. La segnalazione è stata girata alla Procura.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.