Soumya, "virus" speranza e laurea Skype

Con lei a Sassari 13 nuovi dottori a distanza

(ANSA) – SASSARI, 20 MAR – Forse "andrà tutto bene" non è solo un hastag. Forse c’è un virus più forte e resistente del Covid-19. È il virus della cultura, dell’integrazione e della speranza. Soumya Najoui, di sicuro, è positiva. Marocchina, 27 anni, laurea triennale a Rabat, Università "Mohammed V", da stasera è dottoressa magistrale in Gestione dell’ambiente e del territorio. Il desiderio di tagliare il traguardo è stato più forte degli ostacoli da Coronavirus. Soumya si è vestita elegante, ha messo il ‘tocco’ a portata di mano e si è seduta davanti al computer, nella sua stanza da studentessa fuori sede. Si è collegata a Skype e ha discusso a distanza la sua tesi su "Risposte di tre cultivar di vite a diverse condizioni di radiazione Uv e temperature". Soumya è uno dei dieci dottori proclamati oggi dal rettore Massimo Carpinelli in una Aula Magna deserta. È stata la prima sessione di laurea a distanza dell’Università di Sassari. Protagonista il Dipartimento di Chimica e Farmacia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.