Spacciavano ai giardini a lago: arrestati tre giovani africani

Como, giardini a lago Locomotiva

Il pugno duro promesso più volte contro lo spaccio ai giardini a lago sembra non avere alcuna efficacia. La situazione, anzi, appare peggiore di giorno in giorno, tanto che le segnalazioni alle forze dell’ordine si ripetono con maggiore frequenza.
Proprio l’insistenza e la preoccupazione dei cittadini – residenti e frequentatori del parco – ha portato ieri di nuovo i carabinieri del capoluogo ad agire nell’area verde più vicina al Monumento ai Caduti, dove sono stati arrestati tre giovani: un senegalese di 27 anni e due gambiani di 26 e 18 anni.
L’accusa per i tre è spaccio. I militari hanno sequestrato loro complessivamente circa 30 grammi di marijuana e 150 euro in contanti in banconote di piccolo taglio.
L’operazione si è svolta con le modalità solite. Dopo un appostamento, i carabinieri hanno notato i giovani africani in atteggiamento sospetto, nella zona della locomotiva.
I militari hanno quindi documentato l’arrivo dei clienti e la compravendita della droga. A quel punto hanno deciso di intervenire. I tre sono stati fermati, identificati e perquisiti.
Due di loro sono risultati richiedenti asilo irregolari, mentre il terzo era in possesso di un permesso di soggiorno. La droga è stata trovata addosso a tutti: marijuana confezionata in dosi, pronta per essere venduta. Durante il controllo dei carabinieri uno dei gambiani ha tentato di fuggire e di liberarsi delle dosi di marijuana (le ha gettate a terra), ma è stato bloccato dai militari.
Al termine dei controlli, i tre sono stati arrestati con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti e portati al Bassone in attesa di essere interrogati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.