Spaccio di droga e armi nella Bassa, nuova accusa per una 32enne

Intervento dei carabinieri

Le armi trovate nella sua abitazione a Mozzate durante le perquisizioni di martedì scorso effettuate dai carabinieri hanno portato a una ulteriore accusa, con relativo arresto in flagranza di reato, per una donna di 32 anni, già tra i sette destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai militari dell’Arma per un vasto traffico di cocaina.
La 32enne comasca, secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Mozzate, appartenenti alla compagnia di Cantù, era tra i punti di riferimento del gruppo di spacciatori, albanesi e italiani, che riforniva la zona di Mozzate, Turate, Limido Comasco e Olgiate Comasco oltre ad alcuni paesi della provincia di Varese, in particolare Tradate e Cislago.
Quando hanno eseguito l’ordinanza di arresto, martedì mattina, i militari dell’Arma hanno effettuato anche una perquisizione nell’abitazione della donna, dove hanno scoperto e sequestrato, oltre ad hashish e cocaina, una pistola Smith & Wesson calibro 38 special con 10 proiettili, di cui 5 inseriti, e un’arma calibro 44 Magnum con 2 caricatori con 5 proiettili. Nelle ultime ore è stata chiesta la convalida dell’arresto in flagranza di reato per il possesso abusivo delle armi.
Oltre alla 32enne, martedì sono state arrestate altre sei persone tra le province di Como, Varese e Bergamo. Alcuni devono rispondere anche di estorsione in concorso per le presunte minacce e violenze tramite le quali si sarebbero fatti consegnare decine di migliaia di euro dal proprietario di una sala slot di Mozzate.
Nelle prossime ore tutti gli arrestati saranno interrogati in carcere per la convalida e potranno decidere se dare la loro versione al giudice o avvalersi della facoltà di non rispondere.
Nell’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Rose, compaiono anche altri nomi, almeno una ventina secondo le prime informazioni. L’indagine non è conclusa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.