Spaccio nei boschi di Villa Guardia, arrestato 21enne

carabinieri

Spaccio nei boschi, l’operazione dei carabinieri di Lurate Caccivio ha portato a un arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Il protagonista è un 21enne marocchino in Italia senza fissa dimora e irregolare, che è stato scoperto nei boschi tra Villa Guardia, Montano Lucino e Colverde lungo la via Casarico. I militari, dopo un prolungato servizio di osservazione e pedinamento, lo hanno notato aggirarsi dal bosco alla strada in atteggiamento equivoco, in attesa di presunti clienti.
In seguito ai controlli è stato bloccato mentre stava per cedere lo stupefacente a tre persone. E così dopo la perquisizione è stato trovato un involucro contenente 3 grammi di cocaina suddivisa in dosi. L’arrestato è stato trasferito al carcere del Bassone.
Le operazioni delle forze dell’ordine per debellare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, che sempre più spesso vede le aree verdi e i boschi della provincia come luoghi di loschi traffici, sono sempre più numerose. L’ultimo episodio in ordine di tempo poco più di due settimane fa quando i carabinieri della stazione di Turate avevano fermato due giovani, originari del Marocco, di 27 e 18 anni, irregolari in Italia e senza fissa dimora. Entrambi sono stati accusati di aver venduto sostanze stupefacenti a numerosi clienti proprio nei boschi di Turate. L’indagine dei carabinieri, coordinata dalla Procura di Como, era scattata, anche in quel caso, dopo accertamenti sulle attività di spaccio nella zona di confine tra le province di Como e Varese e in particolare nell’area di Cislago.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.