Spagnulo protagonista al Broletto

In Città   Ardite strutture geometriche in scena
Nella città del Razionalismo vanno in scena ardite architetture in forma di scultura, e installazioni che disegnano lo spazio: sono alberi d’acciaio e ferro, piantane, specchi, giochi cromatici con plexiglas e interventi pittorici. Assemblaggi che esprimono un arcano magnetismo e sono frutto di un costante e appassionato work in progress. Sono le opere di Valdi Spagnulo (nella foto, accanto a un’opera sagomata sul profilo del suo corpo), scultore di origine pugliese che dal 1973 vive a Milano, protagonista a Como con una personale dal titolo Sguardi sospesi, con sculture dal 2007 al 2014, a cura di un critico di chiara fama quale Claudio Cerritelli. L’appuntamento è al Broletto in piazza Duomo a Como fino al 2 giugno. La mostra, pensata appositamente per questo spazio espositivo nel cui palinsesto spicca per la rara potenza che ha espresso, ripercorre sette anni di creatività attraverso cicli di opere che trasformano il luogo dell’installazione in un teatro di percezioni visive e tattili. Infatti, l’arte di Spagnulo interroga costantemente lo spazio che essa abita, all’insegna di un equilibrio più evocato che realizzato, con vuoti e pieni che respirano in sintonia, vibrando misteriosamente (nella foto, una veduta d’insieme della mostra). Orario: martedì-mercoledì-giovedì 15-19, venerdì-sabato-domenica 11-19.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.