Spara a un cane: è caccia all’uomo al Lago del Segrino

Lago del SegrinoIl proiettile ha perforato l’intestino e spezzato un femore. La bestia trovata in un lago di sangue è ora nelle mani di un veterinario di Cantù

È caccia aperta al Lago del Segrino, per risalire all’uomo che tra il 28 e il 29 dicembre scorso ha esploso un colpo di arma da fuoco all’indirizzo di un cane, animale che ora si trova nelle mani di un veterinario di Cantù che sta cercando di salvargli la vita. La povera bestia, un meticcio di 4 anni, si era allontanato dal cortile di casa il 28 dicembre approfittando di un cancello rimasto aperto.

Una “fuga” che tuttavia, come dicono i proprietari del cane, faceva spesso per farsi un giro lungo le rive del lago e poi fari ritorno nella casa di Eupilio. Cosa che però questa volta non è avvenuta. Una donna a passeggio al parco del Lago del Segrino, all’altezza della sbarra che delimita l’inizio del percorso pedonale attorno allo specchio d’acqua, ha visto in un fosso il povero cane ferito e immerso in una pozza di sangue, così ha deciso di portarlo dal suo veterinario per farlo curare. Ma quello che in un primo momento sembrava essere una lesione provocata probabilmente dal morso di un altro cane, all’esito della radiografia ha mostrato ben altro: all’interno del corpo c’era un proiettile che è stato estratto e che aveva perforato l’intestino spezzando anche il femore.

Tutti i dettagli sul Corriere di Como in edicola domani

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.