Spari di Rebbio: i bambini colpiti erano in classe

Como, pattuglia polizia in zona via Anzani 1

A lanciare l’allarme sarebbe stato il professore che era in classe, quando ha visto tre alunni accasciarsi dopo essere stati colpiti da pallini di plastica, di quelli esplosi dalle carabine ad aria compressa. Ci sono nuovi sviluppi su quanto avvenuto a Rebbio, in via Cuzzi, alle 13.30 di venerdì. Un ragazzo 16enne, annoiato, avrebbe imbracciato un fucile sparando dalla finestra di casa. A suo dire, i colpi sarebbero stati esplosi in direzione dei rami di un albero. In realtà invece sarebbero entrati dalla finestra di una classe della media Fogazzaro (tenuta aperta come da direttive per il Covid) colpendo i tre bambini che erano seduti vicini. La bambina, 11 anni, è stata anche refertata dal pronto soccorso, essendo stata colpita vicino a un occhio. Il fucile è stato sequestrato dalla polizia e il ragazzo denunciato a piede libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.