Spari nella notte a Carugo, non fu tentato omicidio

Il tribunale di Como

Reati riqualificati da tentato omicidio a lesioni gravi per Gianfranco Raffa (40enne di Carate Brianza), e a favoreggiamento personale per Jesus Villar Ramer (26 anni dominicano). Il Collegio di Como ha comunque deciso per due condanne, a una pena rispettivamente di 5 anni e 9 mesi per il primo (la Procura ne aveva chiesti otto) e a 2 anni e 9 mesi per il secondo (l’accusa ne aveva invocati quattro e mezzo).

Si è concluso così, ieri mattina, il processo per l’aggressione che andò in scena a Carugo nella notte tra il 28 e il 29 agosto 2017. Un agguato che sarebbe maturato nel mondo dello spaccio della droga. Un 25enne straniero fu inseguito con uno scooter prima di essere ferito a colpi di pistola. Furono almeno due i bossoli repertati dai carabinieri. La vittima – secondo il suo racconto – fu anche fatta inginocchiare con la pistola puntata alla testa, prima di riuscire a scappare venendo comunque ferita a una gamba dopo essere stata inseguita dai due uomini.

Al ferito – che si è costituito parte civile – è stato riconosciuto un risarcimento provvisionale di 5mila euro, in attesa che la sua posizione venga definita di fronte ad un giudice civile. La pena più pesante ha colpito l’uomo che secondo l’accusa avrebbe impugnato la pistola, quella più lieve l’amico che lo accompagnò sul posto dell’aggressione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.