Spazzatura nel “caramellone” allo stadio. La proposta: venga adottato dallo sport

caramelloni

In attesa che il Comune prenda una decisione, i cittadini hanno trovato il modo di ottimizzare la presenza del “caramellone” nei pressi dello stadio Sinigaglia.
L’affermazione è ovviamente ironica, visto che l’arrugginita struttura viene utilizzata – come testimonia l’immagine che pubblichiamo – come cestino della spazzatura. Attraverso un buco nella parte interna, c’è chi ha pensato di buttare bottiglie vuote e cartacce. Ma, d’altro canto, l’immobilità rispetto alla gestione di queste strutture – collocate per pubblicizzare eventi – ha fornito un assist a quelle che comunque rimangono persone incivili.
Detto questo, non va dimenticato che i “caramelloni” – l’altro è alla fine della Napoleona – furono ideati da una icona del design come Ico Parisi e meritano rispetto. Una idea che ci permettiamo di lanciare, almeno per quello vicino allo stadio, è di valutare l’ipotesi di dipingerlo di blu royal – il colore del Calcio Como – e di utilizzarlo come porta d’accesso al Sinigaglia, magari dipinto da un artista tifoso, come il tunnel d’ingresso degli spogliatoi, o per comunicazioni relative alle partite.
Oppure si potrebbe legare più in generale al mondo dello sport – lì vicino ci sono le sedi di Coni, Canottieri, Aero Club e Yacht Club – o a quello del ciclismo, nel ricordare, ad esempio, i grandi campioni che vinsero al Sinigaglia quando all’interno vi era un velodromo. Nulla in città ricorda quei fasti che meriterebbero invece una doverosa celebrazione.

Spazzatura nel “caramellone” davanti allo stadio Sinigaglia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.