Speciale Miss Sport. Anna Cappellini, le Olimpiadi nel mirino

alt

La comasca è attesa da Europei, Giochi e Mondiali

«La mia ambizione? Fare bene sempre, senza distinzioni». Anna Cappellini, azzurra del pattinaggio di figura su ghiaccio, è un’atleta determinata. E non si pone limiti. Per lei la stagione 2013-2014 è appena entrata nel vivo, con una serie di grandi appuntamenti che hanno preso il via proprio lo scorso fine settimana con la finalissima del Gran Prix.
A Fukuoka, in Giappone, le cose per lei e per il compagno d’avventura, Luca Lanotte, le cose non sono andate molto bene, con un sesto posto

che non ha soddisfatto i due azzurri, che speravano di chiudere più vicini al podio.
Gli avversari di Fukuoka presto torneranno sul cammino di Anna Cappellini e Luca Lanotte. La stagione, con gli appuntamenti che contano, è appena agli inizi.
Il prossimo impegno pesante, alla fine di gennaio, saranno gli Europei di Budapest. Dopo la competizione continentale sarà la volta delle Olimpiadi di Sochi, in Russia (dal 6 al 23 febbraio) per chiudere con i Mondiali (Saitama, il Giappone dal 24 al 30 marzo).
Sicuramente il momento più suggestivo sarà quello delle Olimpiadi di Sochi. Per Cappellini e Lanotte sarà la seconda presenza ai Giochi, visto che la coppia azzurra ha già partecipato a quelli di Vancouver, nel 2010.
«Il mio ricordo di quella esperienza? C’è sempre tanta pressione, ma alla fine l’unica preoccupazione è quella di prepararsi bene e di cercare di ottenere il risultato migliore. Ricordo il caos e l’essere sempre sotto i riflettori».
E a questo proposito Anna Cappellini regala un aneddoto curioso: «Ho festeggiato il mio compleanno proprio a Vancouver – spiega – e sono stata letteralmente sommersa dall’affetto degli appassionati. Mi hanno portato lettere e regali, al punto che per me è stato davvero difficile rifare la valigia per il ritorno a casa. Una situazione molto bella».
Proprio le imprese degli atleti azzurri nelle più importanti manifestazioni internazionali hanno dato popolarità al pattinaggio su ghiaccio. «Una cosa che mi rende molto felice – dice Anna – Lo spazio in televisione è aumentato, gli show che facciamo registrano il “tutto esaurito”, ma la mia vita non è cambiata, la gente non mi riconosce per strada», conclude ridendo.

Nella foto:
Luca Lanotte e Anna Cappellini con la divisa ufficiale dei Giochi 2014 a Sochi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.