Spettacolo, al via l’osservatorio provinciale permanente

Como, Villa Saporiti, sede della Provincia di Como

Oggi i Teatranti Uniti Como e provincia (Tuc) hanno presentato l’Osservatorio Provinciale Permanente sul settore dello spettacolo dal vivo nel territorio comasco, supportato dalla Provincia di Como.
Alla conferenza stampa di lancio dell’Osservatorio, prima iniziativa in Italia di confronto a livello provinciale tra filiera dello spettacolo e istituzioni, hanno preso parte Beatrice Marzorati e Stefano De Luca, referenti dei Tuc, e Federico Bassani, vicepresidente della Provincia di Como. “Teatro significa stare insieme. In un momento simile in cui semplicemente non è possibile, questa forma d’arte diventa ancora più importante. Ecco perché c’è bisogno che artisti e istituzioni del territorio si ritrovino per immaginare insieme il futuro dello spettacolo dal vivo a Como – hanno spiegato Marzorati e de Luca – Proprio per questo motivo abbiamo pensato di lanciare l’Osservatorio Provinciale Permanente a cui invitare tutti i soggetti che possono favorire il dialogo tra filiera dello spettacolo e gli altri sistemi territoriali: quello turistico, museale e della comunicazione, della didattica, degli enti locali e delle istituzioni”. “Gli obiettivi concreti dell’Osservatorio sono la promozione del valore, anche in termini economici, del comparto culturale. Questo deve essere incoraggiato da una mappatura della filiera dello spettacolo che agevoli l’incontro tra istituzioni, associazioni, lavoratori e creare nuove possibilità di collaborazione. C’è bisogno poi di sistematizzare il sostegno al reddito per i lavoratori per il 2021.
Arginare la voragine contributiva del biennio 2020-2021. Blindare il Fondo Unico per lo Spettacolo per il triennio 2022-2024 alla responsabilità occupazionale premiando chi effettivamente incentiva le attività sul palcoscenico fornendo lavoro sul territorio. Occorre infine progettare insieme una visione imprenditoriale delle ripartenze. Vogliamo riaprire i teatri. Ma come possiamo farlo? Dobbiamo rendere efficace e reale questa ripartenza con nuovo e diverso slancio, in maniera collaborativa” hanno spiegato i referenti dei Tuc.
“L’amministrazione provinciale è presente su questo tema – ha dichiarato il vicepresidente della Provincia di Como, Federico Bassani – Possiamo essere un collettore, un centro che raccolga le figure professionali del mondo dello spettacolo che sono stati penalizzati in maniera molto grave dalla pandemia. Le istituzioni devono rendersi conto che la collaborazione è importantissima per uscire da questa palude. La salute va al primo posto e va tutelata, certo. Ma è chiaro che bisogna iniziare a immaginare un futuro diverso che rimetta al centro il giusto riconoscimento dell’attività artistica, in rete con turismo, didattica, enti locali e tutti i soggetti che si preoccupano di promuovere l’Arte per i cittadini. La provincia di Como è ben lieta di fare da coordinatore di questo tavolo che vogliamo funzioni come volano anche nei confronti di altre istituzioni. Questo è un primo passo. Partiamo con l’Osservatorio convinti che sia una cosa giusta e utile”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.