Spionaggio: Riesame, da Biot atti contro sicurezza nazionale

Motivazioni per ok carcere.Procure possono indagare in parallelo

(ANSA) – ROMA, 03 GIU – Quanto compiuto da Walter Biot, il militare di Marina arrestato per spionaggio, è "lesivo in concreto degli interessi protetti delle norme indicate tra cui la sicurezza nazionale". Così i giudici del Riesame di Roma nelle motivazioni con cui hanno ribadito il carcere per l’ufficiale arrestato il 30 marzo scorso mentre cedeva documenti classificati ad un funzionario dell’ambasciata russa. I giudici fanno riferimento, al fatto che Biot fosse in possesso del Nulla osta di segretezza (Nos) "elevato, il più alto previsto" e che le notizie che procacciava rientravano tra quelle "Nato Secret" e "Nato Confidential" e "riservatissime". In tema di competenza giurisdizionale il Tribunale del Riesame di Roma, in merito alla vicenda di Walter Biot, afferma che la procura ordinaria e quella Militare possono, in tema di spionaggio, proseguire parallelamente gli accertamenti. I due uffici giudiziari, per quanto riguarda il reato di spionaggio, potrebbero, di fatto, dividersi la titolarità ad indagare: quella militare sui documenti classificati Nato, quella di piazzale Clodio coordinata dal sostituto procuratore Gianfederica Dito, anche sugli altri atti segreti oggetto del procedimento. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.