Senza categoria

Spogliatoi allagati alla “Ronchetti” di via Giulini

alt I problemi degli altri impianti
Il Basket Como riesce a risolvere in extremis l’ennesima situazione di disagio

Se la questione palasport si avvia verso la soluzione grazie al trasloco di alcune società a Casnate con Bernate, lo stesso non si può dire per altri impianti cittadini. Problemi continui alla “Ronchetti” di via Giulini, ad esempio. E a farne le spese è sempre il Basket Como di serie B femminile. La squadra ha rischiato di giocare senza pubblico a causa di un problema di omologazione. Ora, grazie all’intervento del sindaco Mario Lucini, la capienza massima è di 99 spettatori. Ma in settimana

ci sono stati problemi anche di altra natura. Problemi di spogliatoi allagati, di fognature. La sfida di domani era a forte rischio, insomma.
«La palestra è sotto il livello della strada – spiega il presidente del Basket Como, Luciano Mastropasqua – le pompe si sono rotte a causa della scarsa manutenzione e così si allagavano gli spogliatoi. Abbiamo fatto un po’ di pressing sui tecnici del Comune e ora, con un intervento d’urgenza, la situazione sembra che si sia risolta».
Problemi, bastoni tra le ruote che sconfortano un po’ la capitana del Basket Como, Mara Invernizzi, ex stella della Comense. «Mi sembra assurdo che si faccia tanto per dare lustro a Como in ambito sportivo e poi ogni settimana vi siano situazioni come queste» dice Mara Invernizzi.
«Nelle gare interne abbiamo organizzato attività promozionali con Comocuore – prosegue – aderiamo al Progetto San Francesco, ma poi dobbiamo chiedere alla gente di non venirci a vedere perché c’è un limite di capienza di pubblico».
«Ci risulta che al momento il problema sia risolto – spiega l’assessore allo Sport, Marcello Iantorno – su via Giulini c’è una situazione debitoria generata dalla gestione della Pallacanestro Como e non del Basket Como, per 80mila euro».
Ora proprio la Pallacanestro Como, che dal 1994 gestisce la Ronchetti, ha presentato un piano di rientro garantito del debito. «Per l’omologazione devono invece esser fatte le necessarie verifiche tecniche di sicurezza. Ci siamo comunque presi a cuore la questione» dice ancora Iantorno.
Sotto la lente non c’è solo però via Giulini. Alcune società che utilizzavano il palazzetto di Muggiò sono state infatti collocate nella palestra della scuola steineriana di Trecallo.
«Purtroppo gli atleti si sono trovati i locali con il riscaldamento spento – dice Iantorno – Abbiamo fatto verifiche sull’impianto e questo funziona alla perfezione, quindi c’è qualcuno che deliberatamente, al termine delle lezioni scolastiche, spegne la caldaia. La scuola ha un debito con il Comune di 112mila euro all’anno ed entro giugno dovremo risolvere anche questo problema», conclude.

P.An.

Nella foto:
Mara Invernizzi in azione alla palestra Ronchetti con la maglia del Basket Como
22 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news
    Archivio
    Dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Numeri utili
    NUMERO UNICO DI EMERGENZA
    numero 112 lampeggianti
    farmacia Farmacie di turno farmacia

    ospedale   Ospedali   ospedale

    trasporti   Trasporti   trasporti
    Colophon

    Editoriale S.r.l.
    Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
    Tel: 031.33.77.88
    Fax: 031.33.77.823
    Info:redazione@corrierecomo.it

    Corriere di Como
    Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
    ROC 5370

    Direttore responsabile: Mario Rapisarda

    Font Resize
    Contrasto