Stadio: c’e l’ok sui lavori, ma non si parla di tempi

Como zona stadio Sinigaglia

I rapporti tra Palazzo Cernezzi e il Como non sono mai stati così buoni. L’accordo sui lavori di adeguamento per la serie B c’è, ma è vietato ancora parlare di tempi. Saranno sufficienti meno di 3 mesi (il campionato cadetto inizia il 21 agosto) per realizzare il campo sintetico, allestire una tribunetta davanti ai distinti, montare qualche migliaio di seggiolini e fare omologare la struttura con tutte le norme di sicurezza?

Sul campo sintetico la risposta probabilmente è sì, ma sul resto dei lavori, da eseguire all’interno di un impianto con un vincolo monumentale, come il Sinigaglia, in pochi scommetterebbero un euro, o meglio una sterlina. Visto che ieri a Como sono arrivati da Londra i manager inglesi della società, il ceo Dennis Wise e il membro del consiglio d’amministrazione Daniel Fisher. Della delegazione del Como 1907 hanno fatto parte anche il direttore generale Carlalberto Ludi, il segretario generale Michelangelo Vitali e l’event operation and facilities Federico Bottacin.
Presenti per il Comune il sindaco Mario Landriscina con gli assessori allo Sport Marco Galli, al Patrimonio Francesco Pettignano e ai Lavori pubblici Pierangelo Gervasoni. Un incontro «sui progetti di adeguamento dello stadio Sinigaglia al campionato di Serie B» spiegano Comune e Como in una nota congiunta.

«L’incontro, che si è svolto in un clima sereno e di piena collaborazione, è stato utile anche a ipotizzare i possibili scenari futuri». In “scenari futuri” si può leggere la parola “progettone” su stadio e quartiere, che rimane però soltanto un pourparler senza nulla di scritto. Il Como 1907 ha un contratto di dodici anni per lo stadio, ma l’unico impegno preso al momento riguarda il campo sintetico, che all’inglese Wise, purista del calcio sull’erba, non piaceva neppure. Chi pagherà i lavori di adeguamento per arrivare almeno a 5.500 spettatori? Chi si occuperà materialmente dei lavori e della gestione dei cantieri? Tutti nodi che ieri non sono stati evidentemente risolti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.