Stadio, maggioranza contro la concessione di 12 anni

Stadio Giuseppe Sinigaglia (Como)

Se in giunta gli assessori lavorano per trovare un accordo con il Como sulla convenzione che consegnerebbe lo stadio alla società per 12 anni, in consiglio comunale i gruppi che sostengono la maggioranza esprimono pareri diversi. Alcuni anche molto diversi. Enrico Cenetiempo, capogruppo di Forza Italia, si augura apertamente «che una cosa del genere non la facciano: 500mila euro per mettere la moquette allo stadio non esiste. O si fa un progetto di ampio respiro, soprattutto urbanistico, qualcosa che comprenda tutta l’area, altrimenti è meglio lasciar perdere. Sarebbe un’assurdità legarsi per 12 anni soltanto per un prato di plastica. E non capisco nemmeno la protesta dei tifosi, assecondano un’operazione al ribasso e scendono in piazza per difendere un negozio di magliette».
Enrico Avalli, segretario cittadino di Fratelli d’italia, è sulla stessa linea.
«Mettere sul piatto 12 anni di convenzione in cambio di un campo sintetico sa di presa in giro – dice – L’unica cosa di buon senso è lavorare per riqualificare l’intera area. Spero che anche il sindaco sia di questo avviso». Anche Avalli non risparmia critiche ai tifosi: «Chiedono incontri con la società e il Comune e sbraitano, ma io trovo che si debba tenere il punto. Non possiamo svendere la città, né vincolarci per 12 anni in cambio di nulla», aggiunge.
Il capogruppo della Lega, Giampiero Ajani, immagina addirittura un coinvolgimento diretto della popolazione. «Non dico di arrivare a un referendum – sostiene – ma secondo me, su un argomento di questo calibro che riguarda la storia della città, bisognerebbe ascoltare il parere dei cittadini. Il manto erboso è una questione marginale, che si può risolvere in tanti modi. L’operazione di più ampio respiro, invece, va discussa e condivisa non soltanto in giunta o in consiglio, ma a livello più generale». Secondo Ajani, si dovrebbero quindi «far conoscere ai comaschi i progetti in campo e chiedere loro un parere. Individuare, cioè, la soluzione più condivisa. Lo stadio, e tutto quello che sta intorno, non è una rotonda o un marciapiede. Si tratta di un’operazione che cambierà il volto di Como per molti decenni».
Il capogruppo della Lega si preoccupa unicamente dei tempi. «Io capisco la richiesta del Como di avere un campo a disposizione al più presto. Ecco perché dovremmo essere capaci di applicare anche qui il metodo Polcevera: le cose si possono fare bene e in tempi ragionevoli. Bisogna spazzare via lacci e lacciuoli burocratici e mantenere solo l’essenziale».
Meno tranchant, nelle sue considerazioni, è invece il capogruppo della Lista Insieme per Landriscina, Franco Brenna. «Sembra ovvio che ci sia un grande interesse da parte di diversi gruppi di investitori che pensano a un futuro di sviluppo per quell’area. Il mio augurio che ci siano più progetti e che si possa scegliere il migliore. Nel frattempo, trovo giusto che si vada incontro al Como, affinché possa giocare su un campo decoroso. Non credo che questo sia un ostacolo al futuro. I tempi tecnici per uno stadio nuovo sono comunque lunghi, la squadra ha bisogno di giocare al più presto su un terreno adeguato».
E allo stesso Como, aggiunge Brenna, bisogna anche dare «il tempo necessario per decidere su quale progetto eventualmente puntare».
Una posizione simile a quella di Matteo Ferretti, capogruppo in consiglio di Fratelli d’Italia. «Il manto sintetico è un po’ pochino per una concessione di 12 anni, ma credo che sia soltanto il primo passo in vista di un accordo più ampio. Ciò che conta in questa situazione è la capacità di dialogo con una società che comunque è seria».

Articoli correlati

5 Commenti

  • Avatar
    Ed , 19 Luglio 2020 @ 13:57

    ma qual è il problema della concessione lunga richiesta evidentemente da chi vuole fare le cose seriamente….qualcuno ha mai visto qualcosa di diverso dal Calcio al Sinigaglia?…. qualcuno forse pensa di non dare la concessione lunga per un giorno fare un parchetto al posto dello stadio forse? ma andate a lavorare ….cosa che non avete mai fatto veramente nella vostra vita !!!

  • Avatar
    Ed , 19 Luglio 2020 @ 13:45

    politici ridicoli chiacchieroni nullafacenti

  • Avatar
    Roberto , 18 Luglio 2020 @ 20:25

    Se fosse per voi la zona stadio diventerebbe a breve la nuova ticosa. Ma ce la fate? Quanti soldi mette il comune x salvaguardare quella zona, conciata da schifo?

  • Avatar
    Ivan , 18 Luglio 2020 @ 19:31

    Meritereste che lascino lo stadio in questo stato e la zona abbandonata, per poi vedervi chiedere al Comune di sistemarla perché fa schifo, e lì ritrovarvi invece una zona chiusa e pericolante che nessuno metterebbe a posto perché non si spenderebbero fondi e perché oltretutto ANDAVA BENE COSÌ. Allora si che ci sarebbe da ridere… Ahaha fenomeni.

  • Avatar
    Greg , 18 Luglio 2020 @ 19:26

    Voi, e il Comune avete capito bene tutto. Per voi la concessione serve solo per il campo in “plastica” giornalisti o politici. Altri mestieri erano troppo difficili da fare perché richiedevano più capacità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.