Stalking sulla ex ragazza: condannato 24enne di Moltrasio

Il Tribunale decide per 6 mesi
In aula ha provato a “girare la frittata”, dicendo che «la gelosa era lei», che «faceva scenate soprattutto quando andavo da solo a ballare». Il giudice monocratico però, alla fine, ha creduto alla versione della vittima condannando l’imputato a sei mesi di pena per le accuse di stalking. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna ben maggiore, ovvero un anno e mezzo. Si è conclusa così – almeno per quanto riguarda il primo grado – una vicenda iniziata nel settembre del 2010

con l’arresto, da parte delle volanti, di un 24enne di Moltrasio accusato di atti persecutori nei confronti della ex ragazza, una 25enne di Cernobbio. Epilogo che arrivò dopo tre richieste di intervento giunte alle forze dell’ordine in appena tre giorni. Una storia – quella raccontata in aula in questi mesi – fatta di presunte aggressioni nel parcheggio del Bennet di Tavernola (in cui venne anche danneggiata un’auto), ma pure di ingressi in Facebook per controllare i messaggi della ragazza (rappresentata dall’avvocato Arnaldo Giudici) che era stata anche costretta ad allontanarsi da casa per sfuggire alle persecuzioni.
La difesa – avvocato Giuseppe Grassotti – ha invece sempre rifiutato l’etichetta di stalking, parlando solo del tentativo, da parte di un ragazzo, di recuperare il rapporto con la sua ex.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.