Stangata sugli affittacamere. La giunta raddoppia la tassa di soggiorno

Como veduta aerea

Tassa di soggiorno, mini-rivoluzione in giunta.
L’esecutivo di Palazzo Cernezzi ieri ha adeguato le tariffe. Quelle in vigore erano state fissate nel 2016 per il 2017 e confermate lo scorso anno.
Ora il ritocco, con effetti in particolare sulle attività di tipo non alberghiero. Le case per ferie e vacanze, gli affittacamere e i B&B avevano una tariffa a persona, per giorno di pernottamento, di 1 euro, che viene raddoppiata, passando quindi a 2 euro.
Realizzata anche una tariffa specifica per i 5 stelle, che nel regolamento precedente venivano equiparati ai 4 stelle. Tutte le altre tariffe dell’imposta di soggiorno non hanno subito modifiche. Ricordiamo che gli importi sono ridotti al 50% tra il 1° ottobre e il 31 marzo e non si pagano sotto i 14 anni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.