Stop all’uso dei cellulari privati per i dipendenti di Palazzo Cernezzi. E non si potranno accettare regali del valore superiore ai 130 euro

alt

Il nuovo documento

La giunta di Palazzo Cernezzi ha varato ieri il nuovo codice di comportamento per i dipendenti. E non mancano le sorprese nello scorrere le pagine, ispirate, peraltro, a linee guida nazionali già adottate da molte altre amministrazioni.
Tra le “raccomandazioni” più stringenti rivolte ai lavoratori, la giunta ha recepito quella riguardante l’utilizzo dei telefoni cellulari privati durante l’orario di lavoro. Nel nuovo regolamento, infatti, si invitano apertamente i dipendenti a utilizzare

il telefonino personale «soltanto per esigenze di carattere eccezionale».
Altro aspetto interessante, quello relativo ai regali che i dipendenti possono ricevere dall’esterno. Nessun dono singolo potrà superare il valore di 100 euro (130 complessivamente se i regali arrivassero da più parti).
Un cenno, infine, alla parte dedicata ai rapporti con il pubblico. L’invito, in questo caso, è di trattare sempre i cittadini «con la massima cortesia».
Il documento approvato ieri, modificato a seguito dell’approvazione nell’aprile 2013 del nuovo Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, recepisce naturalmente le più recenti normative anticorruzione.
Chiunque avesse suggerimenti, integrazioni o modifiche da proporre, comunque, potrà farli pervenire attraverso la compilazione dell’apposita modulistica predisposta e pubblicata sul sito (www.comune.como.it).
Le proposte dovranno pervenire entro il 19 marzo tramite posta certificata. L’indirizzo al quale fare riferimento è: comune.como@comune.pec.como.it. È possibile anche inviare un fax al numero 031.24.22.60, depositare il modulo direttamente all’ufficio Protocollo o utilizzare la posta ordinaria.
Una volta valutati tutti i moduli giunti a Palazzo Cernezzi, l’esecutivo potrà quindi approvare in via definitiva il documento, che poi entrerà in vigore.

Nella foto:
Il nuovo regolamento di comportamento è rivolto a tutti i dipendenti di Palazzo Cernezzi, compresi i dirigenti. Fino al 19 marzo prossimo, comunque, i cittadini e gli stessi lavoratori potranno presentare richiesta di modifiche o integrazioni. Dopo un ulteriore vaglio della giunta comunale, il documento potrà essere applicato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.