Strage alla stazione: a Bologna nel ricordo della famiglia Mauri

I tre componenti della famiglia Mauri, morti a Bologna il 2 agosto del 1980

Una delegazione comasca – composta da Alessandra Locatelli, vicesindaco, dal consigliere Gabriele Guarisco e da agenti della polizia locale con il gonfalone comunale – parteciperà domani alla Giornata in memoria delle vittime di tutte le stragi, promossa a Bologna dall’Associazione familiari vittime della strage del 2 agosto. Tra le 85 vittime della bomba esplosa alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980, vi furono anche tre comaschi: Carlo Mauri (32 anni), il piccolo Luca (6 anni) e la moglie Anna Maria Bosio di 28 anni (nella foto). Partiti in auto da Tavernola il 1° agosto e diretti in provincia di Taranto, decisero di proseguire il viaggio in treno, a Bologna, dopo un guasto al veicolo.

Articoli correlati