Strage di Bologna: un piazzale per ricordare la famiglia Mauri

© | . .

Trentasei anni fa Carlo Mauri, la moglie Anna Maria e il piccolo Luca di appena 8 anni persero la vita nell’esplosione della bomba che il 2 agosto 1980 devastò la sala d’aspetto della stazione di Bologna. Una targa ricorderà presto la loro tragedia nel piazzale antistante l’Unione Sportiva di Tavernola, tra le vie Adamello e Brennero, nei pressi dell’abitazione di via Polano dove i Mauri vivevano. L’intitolazione del piazzale alle tre vittime comasche della strage di Bologna avverrà però non prima del prossimo ottobre.
Esprime rammarico e dispiacere l’assessore comunale Marcello Iantorno che si è impegnato in prima persona in tal senso.
«La delibera per l’intitolazione dello spazio pubblico alla memoria della famiglia Mauri è stata approvata dalla giunta su mia proposta il 24 luglio 2015 – afferma Iantorno – Purtroppo però non è stato possibile per gli uffici tecnici far preparare la targa e realizzare la sua installazione perché lo stanziamento di bilancio è stato approvato solo qualche settimana fa e quindi non in tempo per il conferimento dell’incarico alla ditta che avrebbe curato anche l’installazione. Penso che la cerimonia di intitolazione potrà essere fatta entro ottobre».
Martedì, intanto, in rappresentanza del Comune di Como, sarà presente alla cerimonia di commemorazione a Bologna la delegazione consiliare composta dai consiglieri Elide Greco e Luigi Nessi, accompagnati dal gonfalone comunale.

Articoli correlati