Strage di Erba, no a nuove analisi sui reperti

Strage di Erba, Olindo Romano e Rosa Bazzi

Non vi saranno nuove analisi sui reperti della strage di Erba. La corte d’assise di Como ha infatti respinto la richiesta dei legali di Olindo Romano e Rosa Bazzi, i coniugi condannati in via definitiva all’ergastolo per il massacro dell’11 dicembre 2006.

Riguardo le intercettazioni ambientali, la difesa potrà chiedere la copia completa del materiale, ma non accedere ai server della Procura lariana.

La presidente della corte, Valeria Costi, ha depositato la decisione oggi, all’indomani dell’udienza di ieri, alla quale era presente anche lo stesso Olindo Romano.

L’udienza si è svolta a porte chiuse e i difensori dei coniugi, che avevano chiesto che fosse invece a porte aperte, hanno già annunciato ricorso in Cassazione chiedendo la nullità del procedimento.

L’obiettivo dei difensori di Olindo Romano e Rosa Bazzi è arrivare a presentare un’istanza di revisione del processo. In tre gradi di giudizio, i coniugi sono stati condannati all’ergastolo per l’omicidio di Raffaella Castagna, Youssef Marzouk, Paola Galli e Valeria Cherubini e per il tentato omicidio di Mario Frigerio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.