“Strana coppia”, il capolavoro di Simon è rosa

"La strana coppia" di Neil Simon con Valentina Ferrari (prima a sinistra)

Un capolavoro  del teatro moderno, “La strana coppia” di Neil Simon, torna in scena in una versione rosa che ribalta al femminile le comiche diatribe dei due protagonisti portati sul grande schermo in maniera impareggiabile da Walther Matthau e Jack Lemmon nell’omonimo film di Gene Sacks del 1968. A mezzo secolo esatto così la pièce viene corroborata da una nuova messinscena che si deve all’attrice comasca Valentina Ferrari del Teatro dell’Allodola, che firma l’adattamento con Monica Faggiani. Sono ambedue in scena con Marisa Miritello, Elisabetta Torlasco, Carmine Lemmo e Federico Pirotta per la regia di Arturo Di Tullio a Milano, dal 20 al 23 dicembre e dal 28 al 30 alle 21 (domenica alle 18) con evento speciale di San Silvestro alle 22 con il consueto brindisi augurale di mezzanotte. Appuntamento al Teatro Libero di via Savona 10, tel. 02.8323126.

La storia di Oscar e Felix, amici e all’improvviso conviventi, ha appassionato e divertito il pubblico in tutto il mondo. Come non ridere nel vedere l’appassionato confronto fra uno scapolo burbero e trasandato e un separato maniaco della pulizia. Neil Simon scrive una commedia esilarante con situazioni equivoche, botta e risposta e battute al vetriolo sulla difficoltà della convivenza fra personaggi opposti eppure amici.

Una storia semplice: la vita di Oscar scapolo abituato alla libertà fra una partita a carte e qualche donna ogni tanto si trova a dover ospitare Felix appena lasciato dalla moglie. Sembra una sistemazione temporanea per aiutare l’amico in difficoltà, ma presto si trasforma in un vera e propria convivenza dove emergono delle differenze caratteriali comiche e apparentemente incolmabili.

“Come resistere a due personaggi così simpatici? Avevamo voglia di leggerezza e mentre stavamo preparando un altro spettacolo ci siamo rese conto che eravamo un po’ Oscar e Felix: una burbera e disordinata, l’altra insistente e precisa. Abbiamo iniziato a scherzarci e poi da lì a poco avevamo già in mano il copione” dicono le autrici. Olivia Madison, giornalista, conduce un’esistenza felicemente single. Disordinata e approssimativa, vive da sola in un appartamento trasandato, passando le serate a giocare a Trivial Pursuit, a bere birra e a gustare cibo poco sano con le amiche. La routine viene sconvolta dall’arrivo di Fiorenza Ungar, un’amica appena abbandonata dal marito e che è l’esatto opposto di Olivia: precisa in modo maniacale, ossessionata dall’ordine e dalla pulizia, salutista, piena di allergie e di tic, e incapace di rassegnarsi alla fine del proprio matrimonio. Olivia non esita ad offrire ospitalità all’amica. Dopo alcune settimane, la convivenza diventa impossibile…

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.