Strana intrusione alla Canepa: sospetti di spionaggio industriale

altIl vigilante spara in aria e mette in fuga quattro individui sorpresi a rovistare negli uffici
Ha visto dalle telecamere della videosorveglianza che qualcosa non andava.
Ha osservato meglio e sono comparse quattro figure che, in piena notte, si muovevano negli uffici dell’azienda. Così è corso sul posto e ha esploso più colpi di pistola in aria (pare otto), mettendo in fuga i malviventi.

Lo strano tentativo di furto, che sa tanto di spionaggio industriale anche se non ci sono al riguardo conferme ufficiali, è andato in scena alla Canepa spa di San Fermo della Battaglia. A darne notizia, ieri mattina, è stata la stessa azienda che ha riferito come nella notte tra venerdì e sabato quattro persone siano entrate nella sede dell’azienda, venendo poi messe in fuga dall’arrivo dell’addetto alla vigilanza e dai colpi di pistola esplosi in aria per avvertimento. Pare tuttavia che i malviventi non cercassero di rubare merce o soldi, bensì abbiano concentrato l’attenzione su alcuni uffici dove la Canepa raccoglie e conserva la documentazione dei progetti in fase di sviluppo soprattutto in merito alla sostenibilità ambientale e alla filiera tessile più sostenibile.

Dell’accaduto sono stati avvisati i carabinieri della compagnia di Como (chiamati nell’imminenza dei fatti dallo stesso vigilante) che hanno poi compiuto un sopralluogo alla ricerca di elementi utili per risalire ai responsabili del tentato furto.
«Difficile capire al momento lo scopo di questa strana intrusione – dicono alla Canepa spa – I ladri, come è stato riferito dal nostro addetto alla vigilanza, non erano organizzati per trafugare della merce. È però evidente che si è trattato di un’azione circoscritta a pochi uffici dove conserviamo documentazione di lavoro importante. Per precauzione, rafforzeremo ulteriormente la sicurezza».
Tutto è avvenuto la scorsa notte.
I primi accertamenti avrebbero evidenziato il tentativo di entrare nell’azienda passando da più ingressi.
Alla fine i quattro malviventi sarebbero riusciti a forzare un passaggio, introducendosi nella zona degli uffici e più precisamente nell’area dove viene conservata quella che viene chiamata la «documentazione relativa alla proprietà intellettuale».
Ovvero, una serie di progetti di sviluppo e di brevetti, pare soprattutto riguardanti la sostenibilità dell’azienda sul fronte ambientale con risparmio (per la produzione) di acqua ed energia e l’eliminazione di sostanze nocive.
Proprio in questi uffici – dove non si trovano soldi oppure materiale da rubare – sarebbe andato in scena il tentativo di furto.
E la particolarità di quest’area farebbe pensare allo spionaggio industriale anche se, come detto, le forze dell’ordine al momento non confermano questa ipotesi.
L’azienda di San Fermo non avrebbe subito nemmeno danni particolari.
Insomma, una azione davvero strana su cui ora stanno indagando i carabinieri della compagnia di Como.

M.Pv.

Nella foto:
L’ingresso della Canepa Spa, l’azienda di San Fermo visitata dai ladri nella notte

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.