Stranieri, due espulsioni ogni giorno. In due settimane eseguiti 1300 controlli

La Questura di Como

Due espulsioni al giorno nelle ultime due settimane. Su circa 150 stranieri controllati dalle forze dell’ordine nell’ambito delle attività di controllo straordinarie per la prevenzione di furti e spaccio, il bilancio è di 30 provvedimenti di espulsione nel periodo dal 5 al 19 gennaio.
Cinque persone sono state inoltre denunciate a piede libero. Il potenziamento dei controlli, voluto dal prefetto di Como Ignazio Coccia, proseguono dal 12 novembre scorso e continueranno anche nelle prossime settimane.
Per garantire gli interventi, a Como sono stati destinati anche appositi rinforzi con l’invio sul Lario di agenti del reparto prevenzione crimine Lombardia della polizia di Stato, della compagnia di intervento operativo dell’Arma dei carabinieri e del pronto impiego della guardia di finanza.
Nelle ultime due settimane, sono state controllate più di 1.300 persone e oltre 700 veicoli. Delle persone identificate, 76 erano cittadini extracomunitari e 72 comunitari, con un dato molto elevato di situazioni irregolari accertate dalle forze dell’ordine.
Complessivamente, sono stati adottati 30 provvedimenti di espulsione, 7 con l’accompagnamento in un centro per il rimpatrio e 2 alla frontiera, 3 con l’allontanamento di cittadini comunitari e 18 infine con l’ordine di abbandonare il territorio italiano.
I controlli delle forze dell’ordine vengono effettuati quotidianamente, dalle 13 all’una di notte e sono concentrati ogni settimana in una zona del territorio lariano. I servizi straordinari di monitoraggio del territorio. come annunciato dalle forze dell’ordine, proseguiranno anche nelle prossime settimane.

Articoli correlati

1 Commento

  • Giovanni , 20 Gennaio 2019 @ 10:00

    Speriamo che continuino così se la media sarà questa per tutto l’anno avremo circa 700 clandestini in meno in provincia di Como.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.