Stranieri in calo, ma c’è il “fenomeno turco”. Dal 2001 incremento del 231%

Code all’ufficio stranieri della Questura di Como

Stranieri in calo in provincia di Como. Con una presenza al femminile più “forte” di quella maschile e la comunità “dominante” identificata con quella marocchina. Sono questi i dati principali del rapporto dell’osservatorio regionale per l’integrazione e la multietnicità presentato a Palazzo Lombardia. Un lavoro dal titolo “L’immigrazione straniera in Lombardia” e che copre un periodo che va dal 1° gennaio 2001 al 1° luglio 2014. Interessante e approfondito lo studio del fenomeno, che porta subito ad un dato forse non atteso: gli stranieri nella nostra provincia sono in calo dell’1,2% rispetto al 2013. Como, tra l’altro, si colloca solo al nono posto in Lombardia per la presenza di cittadini stranieri.
Fatte queste premesse, è però senza dubbio impressionante il dato della crescita dal 2001 al 2014. Al primo gennaio 2001 gli stranieri sul Lario erano 16mila, mentre al 1° luglio 2014 sono diventati 53.400, con un incremento del 231%. Tra questi, si contano anche 3.900 irregolari. Una componente, quella straniera, che conta come detto su più donne che uomini: ogni 100 signore ci sono infatti 95 maschi, mentre fino al 2011 le cose erano esattamente all’opposto. La comunità più numerosa è quella in arrivo dal Marocco, 680 persone, seguita dalla Tunisia (410) e dalla Turchia (340), Poi a seguire Ghana e Albania (300) e Ucraina (280). Curiosa invece l’analisi delle specificità locali provincia per provincia. Per quanto riguarda il Comasco emerge come il nostro territorio sia stato scelto come meta preferita dalla comunità turca. In provincia di Como infatti sono presenti con una concentrazione dieci volte maggiore rispetto alla media della regione Lombardia. Un fattore questo che, si legge nel rapporto, «testimonia l’esistenza di un progressivo consolidamento di alcuni gruppi in genere attraverso i meccanismi della catena migratoria». E al proposito vengono presi come esempio proprio i turchi a Como che sono come detto 340 ma con una presenza dieci volte maggiore alla media della regione. Più in generale in Lombardia gli immigrati sono un milione e 295mila, ovvero 16mila in più rispetto al 2013 (+1,3%) e tra questi il 7% sarebbe irregolare, ovvero 93 mila persone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.