Strisce gialle all’Asl, ancora nessuna soluzione

In via Pessina a Como
(a.cam.) Quattro parcheggi in meno per la guardia di finanza per lasciare spazio all’Asl, mantenendo comunque un posto riservato ai disabili.
I tecnici del Comune dovrebbero intervenire la prossima settimana per rivedere la destinazione dei posti auto in via Pessina, sede storica dell’azienda sanitaria.
A metà ottobre, l’intervento di Palazzo Cernezzi, che aveva cancellato i posti blu e aveva destinato tutti gli spazi alla guardia di finanza aveva suscitato un’immediata protesta, soprattutto per l’eliminazione dei posti per i portatori di handicap. Immediata la replica dell’assessore alla Viabilità, Stefano Molinari, che aveva annunciato il ripristino dei parcheggi per i disabili.
A oggi, però, le modifiche annunciate non sono ancora state attuate.
«Abbiamo preferito attendere un parere dell’Asl – dice Molinari – I vertici dell’azienda sanitaria ci hanno inviato una lettera con la richiesta di riservare 4 posti per le auto di servizio e uno per le operazioni di carico e scarico. Abbiamo analizzato la proposta, che può essere recepita solo parzialmente».
Nelle prossime ore, gli uffici di Palazzo Cernezzi dovrebbero definire la situazione. «Abbiamo deciso di recepire in parte la richiesta dell’Asl – dice l’assessore Molinari – In corrispondenza della sede dell’azienda sanitaria riserveremo due posti alle auto di servizio e uno per il carico e scarico. In un quarto posto, invece, sarà ripristinato lo spazio per i portatori di handicap. Anche se, di fatto, in via Pessina l’Asl non ha più sportelli aperti al pubblico, credo sia giusto tutelare comunque anche le esigenze dei disabili».
L’intervento dovrebbe essere portato a termine la prossima settimana.
«Ho sollecitato in queste ore gli uffici – conclude Molinari – e nei prossimi giorni si procederà con l’intervento, che richiede comunque solo una semplice modifica della segnaletica orizzontale e verticale».

Nella foto:
I parcheggi riservati alla finanza non sono stati ancora cambiati (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.