Studente comasco con sospetta tbc polmonare. Controlli su 30 persone

C’è stato un caso di sospetta tubercolosi nel Comasco, il paziente è uno studente di un istituto superiore, che ha riportato sintomi tipici della tbc lo scorso 10 marzo. Lo ha comunicato ieri l’Ats Insubria, che aveva subito avviato i controlli previsti dalla sanità regionale nei confronti di 30 persone, ovvero i compagni di classe e i docenti del giovane.

I controlli consistono nell’effettuare il “test tubercolino”, che verrà ripetuto tra tre mesi.

La positività al test, spiegano dall’Ats Insubria «indica nella maggior parte dei casi che è in corso un’infezione latente, senza conseguenze per la persona e per la collettività. I soggetti che risultassero positivi saranno sottoposti a radiografia del torace per le valutazioni mediche del caso». Le lezioni nella scuola non hanno subito interruzioni, in questi casi vengono solo consigliate misure di igiene ambientale e frequente aerazione degli ambienti.

Articoli correlati