Studenti Roma, ‘stipati sugli bus,in aula distanti, assurdo’

' Primo giorno in liceo

(ANSA) – ROMA, 01 SET – "In autobus stipati, poi in aula distanziati: che senso ha?". E’ la domanda dei ragazzi del liceo ‘Augusto’ di Roma, appena usciti dal loro primo giorno di scuola ‘in presenza’ per i corsi di recupero. "Io sono stato un’ora in autobus – racconta Valerio – e non si riesce a mantenere la distanza". In classe, aggiunge la compagna Giada, si può stare senza mascherina perché c’è il distanziamento dei banchi. Oggi però in classe eravamo 10, e si poteva: ma di solito siamo 30. Come si farà allora?". Si userà la mascherina, prosegue Ginevra, "ma sei ore con la mascherina non sono vivibili". Ai ragazzi in generale piace il sistema dei ‘recuperi’ di settembre, ma soffrono di mancanza di informazioni: "Quando chiediamo come sarà l’anno scolastico ai professori, loro non lo sanno. Non è colpa loro, però". Alcuni, come Greta, riferiscono che, a causa della mancanza di personale Ata non è stato possibile andare in bagno, altri che non sono stati trovati spazi per la ricreazione: "Non si sono organizzati"‎. Se in aula è possibile stare senza mascherina durante la lezione, negli spazi comuni è obbligatoria. "Servirebbero tamponi obbligatori e gratuiti" sostiene un’altra studentessa. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.