Su Espansione Tv il capolavoro di Ernst Lubitsch

alt Cinema d’autore
Nuovo appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di grande cinema d’autore questa sera su Espansione Tv (canale 19 del digitale terrestre). Alle 23 va infatti in onda Vogliamo vivere, film del 1942 considerato il capolavoro di Ernst Lubitsch.
Josef Tura e la moglie Maria sono gli attori di punta di una compagnia teatrale polacca che vorrebbe allestire una satira antinazista ma viene bloccata prima dalla censura e poi dall’invasione e dall’occupazione della Polonia da parte di

Hitler stesso.
Il tenente Sobinski, spasimante di Maria, parte per arruolarsi nella resistenza ma torna rocambolescamente a Varsavia con la notizia che una pericolosa spia, di nome Siletsky, va fermata prima che sia troppo tardi.
To Be or Not to Be – questo il titolo originale della pellicola (nella foto, la locandina italiana del film) – è però molto più di una commedia: è una pungente satira verso il nazismo, i suoi ideali e le sue barbarie. Il titolo originale è riferito al presunto tradimento da parte dell’attrice Maria Tura con un giovane aviatore polacco, che si reca nel suo camerino tutte le volte che il marito Josef, nell’interpretare Amleto, comincia il monologo “Essere o non essere”.
L’umorismo e la leggerezza del film suscitarono attacchi da parte di intellettuali contemporanei cui il regista rispose con queste parole, secondo la testimonianza dello storico e critico del cinema Georges Sadoul: «Questo film ha provocato parecchie discussioni e, secondo me, è stato ingiustamente attaccato. Non prendeva affatto in giro i polacchi, era soltanto una satira degli attori e dello spirito nazista, del comportamento da pazzi dei nazisti».
Va ricordato che a quarant’anni di distanza, Alan Johnson ha diretto un remake di questo film, Essere o non essere del 1983, con Mel Brooks protagonista.
Il film di Lubitsch ha ricevuto una candidatura ai Premi Oscar 1943 per la migliore colonna sonora e nel 1996 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Dal 30 maggio 2013, in edizione restaurata e rimasterizzata, è tornato nelle sale cinematografiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.