Sudafrica: mandato d’arresto per Zuma

Non compare in tribunale. E' accusato di corruzione

(ANSA) – ROMA, 4 FEB – In Sudafrica l’ex presidente Jacob Zuma non si è presentato all’udienza preliminare e l’Alta corte di Pietermaritzburg ha quindi spiccato un mandato di arresto su di lui. Lo riporta Bbc Africa, specificando che Zuma è sotto accusa per una serie di crimini tra i quali corruzione, racket e riciclaggio di denaro sporco. Zuma, secondo i suoi avvocati, non è comparso in tribunale a causa di cattive condizioni di salute. Ma secondo l’accusa, il tribunale dovrebbe accertarsi delle condizioni mediche di Zuma mediante una propria inchiesta. La National Prosecuting Authority (Npa) ha sostenuto infatti che il suo "certificato di malattia" è inammissibile perché la data sembra essere stata modificata. Zuma è accusato di aver accettato 783 pagamenti illegali dalla società di armi francese Thales attraverso il suo ex consigliere finanziario Shabir Shaik, condannato per gli stessi crimini. I fatti si sarebbero svolti nel 1999, quando Zuma è diventato vice presidente. L’ex presidente nega qualsiasi illecito.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.