Sudafrica: nella foresta c’è un orfanatrofio per rinoceronti

Ci lavorano 24 h al giorno sei donne

(ANSA-AFP) – MOKOPANE, 11 GEN – In una lussureggiante foresta in Sudafrica, nella provincia del Limpopo, c’è un orfanatrofio nato grazie a donazioni private che ospita i rinoceronti rimasti soli per colpa di bracconieri senza scrupoli che hanno ucciso loro i genitori per vendere al mercato nero le corna da cui si ottiene la cheratina venduta a 90mila euro al chilo. Per 24 ore al giorno sei donne, due di loro sono volontarie, si prendono cura dei cuccioli di rinoceronte che arrivano al loro cancello. Spesso feriti, sempre traumatizzati. Intorno alla proprietà ci sono terreni che sono stati chiusi al pubblico per motivi di sicurezza. All’orfanatrofio non sono ammessi turisti. Si fa qualche eccezione per pochissimi visitatori. La missione è chiara: salvataggio, riabilitazione e rilascio. Il papà del progetto è Arrie Van Deventer, 67 anni, un ex insegnante di storia diventato allevatore di selvaggina. L’idea dell’orfanatrofio, racconta, gli è venuta quando nel 2011 si ritrovò per le mani un vitellino di rinoceronte ferito, sopravvissuto all’omicidio della madre e dei fratelli e realizzò che per il piccolo non c’erano strutture idonee a d accoglierlo, se non quelle turistiche. Da qui, la decisione di costruire l’orfanatrofio. Gli ospiti oggi sono per lo più piccoli di rinoceronte bianco, ma anche alcuni esemplari neri, specie in pericolo di estinzione. "Siamo le loro madri", dice Yolande Van Der Merwe, 38 anni, manager del team di accoglienza. "Dormiamo vicino a loro per offrire calore e comfort, perché quando vengono lasciati soli i piccoli urlano e le loro grida sono acute, come i suoni del delfino". Accudire i più piccoli è assai impegnativo. Aspettano con impazienza grandi biberon con una miscela di latte e riso bollito che vanno dati loro ogni poche ore. Nel primo anno di vita i vitelli di rinoceronte acquistano più di 350 kg di peso. Una volta che la riabilitazione è stata completata i rinoceronti vengono rilasciati in una vicina riserva dove un ambientalista tiene aggiornato l’orfanatrofio sui loro progressi. (ANSA-AFP).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.