Sui marciapiedi cadute a raffica. Senna: salvati 450 animali

Le conseguenze del freddo
La Protezione civile è intervenuta ieri a Senna Comasco per salvare quattrocento mucche e cinquanta maiali che non avevano più acqua a causa del congelamento dei tubi degli abbeveratoi. I volontari sono arrivati con un’autobotte, operazione che sarà ripetuta anche nella giornata di oggi.
Nonostante gli sforzi degli operatori della Green Farm e gli accorgimenti per proteggere gli impianti dal freddo intenso, il gelo prolungato ha fatto congelare l’acqua nei tubi che riforniscono gli abbeveratoi delle stalle di mucche e maiali. Ieri la situazione
era ormai insostenibile ed è stato richiesto l’intervento della Protezione civile di Cantù per far fronte all’emergenza. Grazie all’acqua trasportata in una cisterna, tutti gli animali dell’allevamento sono stati rifocillati. Per oggi sono stati programmati due ulteriori rifornimenti di acqua nelle stalle. L’operazione continuerà finché il gelo non concederà una tregua.
Come accaduto all’azienda di Senna Comasco, sono decine i casi di tubature e impianti congelati, con il conseguente blocco totale dell’interruzione dell’acqua oppure del riscaldamento sia in abitazione private sia in aziende e negozi. Complesso anche effettuare gli interventi di manutenzione, resi difficili dal perdurare del gelo.
Il ghiaccio intanto resta il principale incubo sulle strade e soprattutto sui marciapiedi.
Anche ieri non è mancato il consueto bollettino delle cadute e delle scivolate, talvolta con conseguenze serie. Cinque i casi in cui si è reso necessario l’intervento del 118 per soccorrere persone di ogni età con traumi e contusioni provocate da cadute. Ad Albate, proprio per far fronte ai gravi disagi causati dalle lastre di ghiaccio sui marciapiedi, ieri mattina sono intervenuti i volontari dell’associazione Vigili in pensione.
Gli ex agenti della polizia locale hanno gettato circa 25 chili di sale sui marciapiedi di via Canturina e dell’area attorno alla sede della Circoscrizione, impraticabili da giorni a causa della mancata pulizia.
Poco prima dell’intervento dei vigili in pensione si era registrata l’ennesima caduta di un pedone scivolato sul marciapiede su via Canturina. I volontari hanno lavorato tutta la mattina per risolvere completamente il problema del ghiaccio nella zona.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.