Sul lago parte la caccia agli scrittori di talento

Giulio Giorello

Poeti, prosatori e saggisti, ma anche fotografi e registi: fatevi avanti. Torna, alla sesta edizione, il Premio Internazionale città di Como, il cui bando scade il 20 giugno 2019. Molte le novità: alla prestigiosa giuria già nota presieduta da Andrea Vitali si aggiunge un nome illustre, il professor Giulio Giorello, filosofo e accademico, che collabora da tempo alle pagine culturali del Corriere della Sera, dove firme autorevoli sono pure altri giurati come Dacia Maraini, Pierluigi Panza e Francesco Cevasco.
Sarà più facile iscriversi direttamente sul sito premiocittadicomo.it con l’apposita scheda. È possibile compilarla senza doverla scaricare, allegando direttamente l’opera e la copia del pagamento. Inoltre gli autori di inediti che desiderassero una valutazione puntuale del testo, potranno richiederla contestualmente all’invio del loro manoscritto in regola con la sottoscrizione. Il premio si appoggerà quindi, per questa prestazione allo Studio Pym di Milano, che leggerà e analizzerà entro la data di premiazione i testi.
Riguardo invece al montepremi che è complessivamente di 17mila euro, oltre alle tradizionali sezioni, saranno selezionati i migliori scritti per alcuni Premi Speciali per generi. Nella narrativa: romanzo storico, romanzo d’avventura, romanzo thriller, romanzo per ragazzi, romanzo fantastico (fantasy, horror, fantascientifico), volume edito di genere teatrale. Nella saggistica: divulgazione scientifica e libro di inchiesta.
Nella sezione inediti, il testo che risulterà vincitore sarà pubblicato dall’editore Francesco Brioschi o da altri, con il consenso dell’autore e dopo un accurato editing. Potranno essere pubblicati anche altri inediti ritenuti meritevoli di attenzione.
«In questi anni il concorso letterario si è consolidato e ha registrato una crescita costante – dice Giorgio Albonico, ideatore ed organizzatore del premio – Basti dire che nell’ultima edizione abbiamo ricevuto oltre 2.500 opere, un grande impegno e una grande responsabilità. Per questo l’intenzione è ampliare sempre di più il comitato di lettura, che prevede la collaborazione di scuole, biblioteche e librerie e che è un aiuto prezioso nell’operazione di selezione e di valutazione. E continueremo anche per il 2019 a contribuire attivamente alla proposta culturale della città portando a Como una serie di autori di qualità per incontrare i lettori. Creeremo anche un piccolo festival a tema, che prevediamo di presentare quanto prima».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.