Summer meeting, settembre a tutto jazz a Lugano

Nojakin gruppo jazz svizzero

Il 13 e 14 settembre 2019, il palcoscenico dello Studio Foce in via Foce a Lugano ospita la prima edizione del Jazz Summer Meeting, un nuovo festival che accosta nomi affermati del panorama jazz a leggende dell’avanguardia elettronica. Il club luganese Jazz in Bess, in collaborazione con la Divisione eventi e congressi della Città di Lugano, organizza due serate di musica, per la prima volta fuori dalla sua ormai ben nota sede di Lugano-Besso. In programma nomi stellari del jazz e leggende della musica elettronica sperimentale. Dalla nascita del club nel 2011, Jazz in Bess ha assistito ad una crescita esponenziale degli eventi proposti e della frequentazione da parte del pubblico cittadino. Complici la buona musica, i momenti conviviali e l’atmosfera intima e un po’ “vintage” della sede di Lugano-Besso, il club è diventato un ritrovo abituale per i molti frequentatori. Jazz in Bess ha organizzato nel 2018 oltre 43 eventi tra concerti, jam-sessions, aperitivi e festival, ritagliandosi un posto nel circuito svizzero dei club che propongono musica dal vivo.

Per la prima edizione del Jazz Summer Meeting, Jazz in Bess ha deciso di traslocare provvisoriamente nel centro cittadino. La scelta di un evento fuori sede è dettata dall’afflusso sempre maggiore agli eventi proposti nei locali di Lugano-Besso, che stentano a contenere un pubblico crescente. È nata dunque l’idea di una collaborazione con la Divisione eventi e congressi della Città di Lugano, che si è mostrata entusiasta all’idea di svolgere un festival jazz al FOCE, luogo più capiente e adatto allo svolgimento di un festival ambizioso come il Jazz Summer Meeting.

I concerti, trasmessi in diretta da Radio Gwen, si svolgeranno principalmente nel Teatro Foce con alcuni appuntamenti nello Studio Foce e nella corte interna in caso di bel tempo. Venerdì 13 settembre alle 18, In apertura di festival, il sindacato dei musicisti SONART presenterà la sua attività e, insieme a Jazz in Bess, offrirà un aperitivo ai visitatori preparato da Atelier Giovi. Il primo concerto sarà alle 18:30 con Florian Egli con il suo trio. In seguito, si produrranno nel Teatro Foce gli elvetici Nojakin e il trio stellare con il batterista catalano Jorge Rossy e gli statunitensi Joe Sanders e Ethan Iverson.

Il festival proseguirà sabato 14 settembre con i concerti del batterista ticinese Sheldon Suter con il suo trio, seguito dal chitarrista statunitense Ben Monder che si produrrà in un concerto solista. Quest’ultimo concerto, dai toni decisamente più sperimentali, accompagnerà il pubblico verso il seguito del festival con due concerti nello Studio Foce organizzati in collaborazione con la Rassegna Raclette. Lo statunitense Craig Leon, produttore leggendario di band come i Ramones, Blondie e Suicide, e collaboratore con la London Symphony Orchestra presenterà il suo progetto solista, seguito da un “after-party” al ritmo psichedelico dei sintetizzatori modulari degli “enfants terribles” zurighesi Der White Rauschen.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.