Suor Maria Laura, la religiosa martire, ora è beata

Suor Maria Laura Mainetti

Suor Maria Laura Mainetti è beata. La lettera apostolica di Papa Francesco, rigorosamente in latino, sancisce che d’ora in poi ogni anno possa essere celebrata la sua festa il 6 giugno, giorno della sua nascita al cielo. E così il 6 giugno del 2021 diventa una data che la Diocesi di Como e la chiesa intera non dimenticheranno mai. Nel 21esimo anniversario della morte della suora. Era, infatti, il 6 giugno del 2000 quando, rispondendo a una richiesta d’aiuto che arrivava da una giovane, la religiosa delle Figlie della Croce andò incontro a una drammatica fine, per tutti ancora senza una spiegazione. Quella data così funesta, porta ora con sé la rinascita. Davanti all’altare il reliquiario contente una pietra intrisa di sangue raccolta sul luogo del martirio.

Cerimonia beatificazione Suor Maria Laura Mainetti
Cerimonia beatificazione Suor Maria Laura Mainetti

La celebrazione solenne, trasmessa domenica in diretta su Etv, organizzata, nel rispetto delle norme anti Covid, al campo sportivo di Chiavenna davanti a 2.500 persone e presieduta dal Cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi che nella sua omelia è partito proprio citando un bigliettino di Suor Maria Laura in cui scriveva che la grazia che domandava al Signore era “La vera carità”. Quindi ha ricordato la forza del suo credere, il suo impegno quotidiano, la sua grande capacità di perdonare.

«Mentre era uccisa suor Maria Laura l’ha fatto ancora – ha detto – questa volta prima di incontrarlo realmente, il Signore».
Nei passaggi finali poi un messaggio fondamentale: «Il terreno per la fioritura della santità non è l’eccezionale ma la fedeltà nel quotidiano». Papa Francesco, peraltro, domenica mattina, nell’Angelus, ha ricordato Suor Maria Laura, il suo impegno svolto al servizio dei giovani, poi un lungo applauso che è arrivato fino a Chiavenna, passando per tutti luoghi in cui la religiosa nata a Colico, Altolago di Como, ha prestato la sua opera.

Al termine della celebrazione a Chiavenna i ringraziamenti del vescovo di Como, Monsignor Oscar Cantoni, e l’eredità che la suora del sorriso, così come era stata ribattezzata, lascia alla comunità cristiana, civile, alle famiglie e agli educatori: «Un alto senso di responsabilità, soprattutto a tutela e a promozione del mondo dei ragazzi e dei giovani, in questo tempo di grande emergenza educativa, e quindi la loro formazione integrale, per la quale suor Maria Laura si è presa particolarmente cura , lungo il corso del suo impegno apostolico».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.