Superata quota 40mila contagi sul Lario, 5 i decessi

Tampone, test covid coronavirus al vecchio manicomio di San Martino, via Castelnuovo (Como)

A meno di un anno dalla scoperta del primo caso di Coronavirus, la provincia di Como raggiunge e supera la drammatica quota di 40mila contagi, ovvero circa il 6,7% della popolazione residente.
Ieri infatti sono stati censiti altri 211 positivi al Covid in provincia, per 40.091 complessivi. Per quanto riguarda i dati di giornata, il territorio lariano ha registrato il quarto risultato più alto di tutta la Lombardia, dopo Varese con 357, Milano con 351 e Brescia con 239, ma con il valore più elevato in rapporto alla popolazione residente. A livello regionale sono stati effettuati quasi 30mila tamponi (di cui 19.472 molecolari e 10.007 antigenici) e i nuovi casi sono 1.625 (5,5%). Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, le terapie intensive si attestano a 361 (+1). Negli ospedali dell’Asst Lariana rimangono ricoverati 199 pazienti, compresi i malati che ieri mattina erano in attesa di un letto al pronto soccorso del Sant’Anna (2) e del Sant’Antonio Abate di Cantù (5). I letti occupati di terapia intensiva sono scesi a 10, tutti al Sant’Anna di via Ravona, che ha complessivamente 149 pazienti, sono 18 quelli di Cantù, 21 a Mariano Comense e 4 in via Napoleona.
Rimane drammatica la situazione relativa ai decessi: 5 quelli registrati nella giornata di ieri di persone residenti nel Comasco sui 55 a livello regionale.
Canton Ticino
Prosegue la discesa dei numeri in Canton Ticino, dove ormai da due settimane è calata anche la pressione nelle strutture sanitarie che curano in totale 96 malati Covid-19. Era dal 27 ottobre che i letti occupati da pazienti con il virus non scendevano sotto i 100. Ieri mattina il Cantone di lingua italiana ha registrato 38 casi.
Sono quattro i pazienti ricoverati ieri, 13 i dimessi, restano però ancora 16 persone in terapia intensiva. All’Ufficio del medico cantonale è arrivata infine la segnalazione di un unico decesso a seguito del Coronavirus.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.